Ruba un smartphone dentro l'ospedale, subito rintracciato e arrestato

Nei guai è finito un 40enne di Galatina. E' scappato da un ambulatorio con un telefono. La vittima ha chiamato la polizia

GALATINA – Gianluigi Renna, 40enne di Galatina, è stato arrestato questa mattina dagli agenti di polizia del commissariato locale. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, risponde di furto aggravato dalla destrezza. Ed è già il secondo reato che collezione in poco tempo, visto che era già stato denunciato nei giorni scorsi, per un furto in quel caso solo tentato.

La vicenda che l’ha visto protagonista, questa mattina, è avvenuta presso l’ospedale “Santa Caterina Novella”. Dopo essersi recato nel nosocomio, ha pensato bene di non uscirne a mani vuote, impossessandosi di uno smartphone all’interno di un ambulatorio, per poi darsi alla fuga.

Grazie alla descrizione fornita dalla vittima e grazie all’intuito dei poliziotti, l’uomo è stato rintracciato. Addosso aveva ancora lo smartphone. Sentito il pubblico ministero di turno, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Come detto, già nei giorni precedenti Renna si era fatto notare. Aveva tentato di rubare dentro un’autovettura parcheggiata in strada. Durante la perquisizione, gli agenti avevano trovato addosso anche un coltellino, per il cui possesso ingiustificato aveva subito un ulteriore deferimento.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Cronaca

    Pestato e ferito da un colpo d'arma, preso il complice del violento raid

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

  • Cronaca

    Morte in carcere, prime conferme sul suicidio. Resta il nodo dei farmaci

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

Torna su
LeccePrima è in caricamento