Agli arresti domiciliari per droga, ruba energia elettrica: nuovi guai per 37enne

Un uomo di origini albanesi, ristretto presso la sua abitazione a Parabita, è stato trasferito in carcere: ha sottratto la corrente elettrica con un cavo

I contatori dell'energia elettrica

PARABITA – Agli arresti domiciliari, ruba energia elettrica: nuovi guai per un 37enne. Nella giornata di ieri i carabinieri della stazione di Parabita  hanno notificato un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare, emessa dalla terza Sezione penale della Corte di appello di Bari, nei confronti di Resulaj Ermal, un cittadino di origini albanesi.

Il provvedimento scaturisce poiché l’uomo,  sottoposto agli arresti domiciliari dal 23 marzo 15 per spaccio di sostanze stupefacenti, è stato denunciato in il 10 maggio dai militari per furto di energia elettrica. Per la sua “attività”, l’arrestato avrebbe installato un cavo che bypassava il contatore per prelevare elettricità direttamente  dalla rete a monte.RESULAJ  ERMAL-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con l’emissione del provvedimento di custodia cautelare in carcere, il 37enne è stato condotto presso il carcere “Borgo San Nicola” di Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento