Uno colpisce al volto la madre, l’altro evade i domiciliari: due arresti

In manette un 26enne di Neviano e un 32enne di Squinzano, entrambi nomi già noti alle forze dell’ordine. Nel primo episodio, l’uomo ha anche sferrato calci e spintoni ai carabinieri

Foto di repertorio.

NEVIANO - Due arresti, nelle ultime ore, nel Salento. A Neviano, un uomo in manette per maltrattamenti in famiglia. L’episodio nella mattinata di ieri, quando i carabinieri della stazione locale hanno fermato C.G., un 26enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine. È stato fermato in flagranza di reati per i maltrattamenti in famiglia e per resistenza a pubblico ufficiale.

Al culmine dell’ennesima lite familiare, per futili motivi, l’uomo ha picchiato la propria madre procurandole un edema facciale. Successivamente è stato richiesto l’intervento dei militari che hanno cercato di allontanarlo dalla donna ferita, ma il 26enne si sarebbe opposto con calci e spintoni. Il ragazzo è stato così tratto in arresto e sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Sempre nella giornata di ieri, a Squinzano, i militari del posto hanno notificato un’ordinanza di sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella della custodia cautelare in carcere, emessa dalla Corte di Appello di Lecce nei confronti  di Cristian Gennari, un 32enne del luogo, già noto alle forze dell’Ordine. L’uomo, già ristretto ai domiciliari e l’aggravamento della misura è scaturito a seguito delle violazioni degli obblighi e delle prescrizioni imposte dal provvedimento. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato ristretto nel carcere di Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

Torna su
LeccePrima è in caricamento