Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Gli arresti nella serata di martedì, in città, da parte dei carabinieri del luogo. All’interno dell’abitacolo alcune dosi di sostanza stupefacente, poi sequestrata

La droga sequestrata.

LECCE – Tenuti sotto osservazione e poi sottoposti a una perquisizione: la loro serata finisce con le manette. Due soggetti, nelle ultime ore, sono stati tratti in arresto perché scoperti con delle dosi di eroina. Si tratta di Roberto Coroneo, 41enne e di Tiziano Stabile, di un anno più giovane, leccesi.

L’episodio nella serata di martedì, nei pressi di viale dell'Università, in pieno centro, quando i carabinieri della sezione radiomobile della compagnia leccese stavano eseguendo dei controlli ordinari per contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti.

Ai due, a bordo di un’auto, è stato intimato l’alt ed è scattata l’ispezione dell’abitacolo: all’interno, rinvenuti 9,5 grammi di droga pesante, immediatamente sequestrata dai militari dell’Arma. Oltre allo stupefacente, nelle mani degli uomini in divisa anche un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e una somma contante di circa 165 euro, ritenuta provento dell'attività illegale dei due amici. 

Il cellulare "rivelatore"

CORONEO ROBERTO-4STABILE TIZIANO (2)-4Un dettaglio particolare è quello riguardante un cellulare trovato in auto e sequestrato. Dai contatti avuti nella giornata (fra messaggi e telefonate) e da controlli incrociati, i militari, risalendo agli intestatari, hanno visto come si trattasse nella maggior parte dei casi di soggetti noti come assuntori di stupefacenti. Un ulteriore riscontro a sostegno della tesi dello spaccio.

Va aggiunto che Coroneo in particolare, già nel luglio del 2016, fu fermato per un'intensa attività di spaccio di stupefacenti, e sempre dai carabinieri, che quindi ne conoscevano bene volto e precedenti.

Nelle ore successigli, il giudice Stefano Sernia ha convalidato gli arresti dei due leccesi, che si trovano ora ai domiciliari con braccialetto elettronico, in attesa della direttissima, prevista per il 26 settembre.  

Potrebbe interessarti