homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Uno tenta di estorcere denaro a una coppia, l’altro perseguita l’ex: nei guai

Un 67enne di Alliste e un 36enne di Ugento sono stati arrestati dai carabinieri

I carabinieri della compagnia di Casarano

CASARANO – I carabinieri della compagnia di Casarano, nella giornata di ieri, hanno tratto in arresto due uomini. Il primo è Donato Bruno, un pensionato 67enne di Alliste: è finito in manette perché accusato di tentata estorsione e stalking. Il provvedimento scaturisce da alcuni episodi che sono stati denunciati da una coppia presso la stazione dell’Arma di Casarano. I coniugi hanno segnalato continue minacce e somme di denaro effettuate mediante lettere manoscritte e telefonate. Quelle missive erano sottoscritte, in maniera del tutto fantasiosa, da un'organizzazione criminale.

D’intesa col sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Lecce, Maria Vallefuoco, nei confronti dell’uomo è stata emessa una ordinanza di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari. I militari, inoltre, hanno eseguito un secondo arresto questa volta ad Ugento. Massimo Congedi, un 36enne del posto già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato in flagranza di reato per lesioni personali, maltrattamento in famiglia, stalking e inosservanza del provvedimento del giudice.

 Era infatti già sottoposto alla misura cautelare dell’allontanamento ai luoghi frequentati dalla vittima, la sua ex moglie, emessa dal tribunale civile di Lecce, poiché l’aveva minacciata in più occasioni. Nelle ore scorse, il 36enne si sarebbe dunquecongedi-massimo-n-gagliano-del-capo-il-11-04-1979-2-2-2 recato presso l’abitazione della donna, dove è scaturito un primo litigio. Come se non bastasse, nella giornata di ieri la vittima si trovava in compagnia del proprio figlio, nel centro cittadino di Ugento.

Stava per salire a bordo della propria autovettura, quando è stata avvicinata dell’ex marito: Congedi ha cercato di impedirglielo e l’ha aggredita, afferrandola per un braccio. La donna, divincolandosi, si è chiusa nell’abitacolo e ha contattato telefonicamente i carabinieri. Medicata dai sanitari dell’ospedale di Casarano, è stata dimessa e giudicata guaribile con pochi giorni. L’uomo è stato accompagnato presso caserma del comune messapico: dopo aver informato il procuratore della repubblica di Lecce, Roberta Licci, il 36enne è finito in manette, ed è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      La casa a "luci rosse"? Affittata alle prostitute da magistrato e moglie

    • Cronaca

      Nessuna impronta di Manzari sulle armi sequestrate in masseria

    • Cronaca

      Agguato dopo la tentata estorsione, arrestato un quarto uomo a Genova

    • Cronaca

      Presunte mancate cure sull'anziano deceduto: la famiglia chiede la verità

    I più letti della settimana

    • Yacht finisce in fiamme a 2 miglia da Otranto, salvati i tre a bordo

    • Violento tamponamento, intera famiglia in ospedale: bimbo di 2 anni in Rianimazione

    • Schianto in curva contro il muretto a secco: grave una 24enne

    • La casa a "luci rosse"? Affittata alle prostitute da magistrato e moglie

    • La "spaccata" fallisce, inseguimento di notte a 200 chilometri orari

    • Stabilimenti abusivi sullo Ionio: sequestrati 52 ombrelloni, ristoratori nei guai

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento