In casa pistole, oltre a 85 proiettili e bossoli: scattano le manette

Un 40ene di Copertino arrestato in flagranza di reato, a seguito di una perquisizione da parte dei carabinieri

Il materiale sequestrato dai carabinieri.

COPERTINO – Detenzione di armi clandestine: con questa accusa è finto in manette un 40enne di Copertino, arrestato nelle ultime ore in flagranza di reato. Si tratta di Ferdinando Volpi, sottoposto a una perquisizione da parte dei carabinieri della tenenza locale.

I militari hanno rinvenuto in casa una rivoltella calibro 357 magnum legalmente detenuta, un’altra pistola calibro 22, sempre regolare, con una canna però priva di matricola e carica di dieci proiettili. Ma non è tutto: gli uomini dell’Arma hanno anche trovato un’altra canna per pistola, coincidente con la stessa arma.

Inoltre sono spuntati 85 proiettili di vario calibro e 49 bossoli esplosi: il tutto detenuto illegalmente. L’uomo, tratto subito in arresto, è stato ristretto ai domiciliari  presso la sua abitazione, come disposto dalla Procura della repubblica di Lecce.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Da quanto pubblicato questo arresto è una grande sciocchezza che deriva dalla sconoscenza delle norme che regolano il settore delle armi. Il P.M. invece di procedere subito con l'arresto del cittadino avrebbe doovuto chiamare un CTU per farsi spiegare dove trova il reato contestato. La Beretta non punzona le matricole sulle canne di molte sue pistole, ed in particolare di questa che risulta essere la mod. 72, inoltre la canna in più è dotazione originale della fabbrica che veniva fornita di serie. Per quanto riguarda la detenzione delle munizioni di 85 pz. rientra nel numero delle 200 detenibili per arma corta. Se così è mi domando dov'è il reato?

    • Ma infatti, l'articolo dice: rinvenuta rivoltella (termine antiquato ma ancora usato da qualcuno) 357 magnum LEGALMENTE detenuta. Beretta cal. .22lr SEMPRE REGOLARE un'altra canna appartenete alla stessa arma (e anche io come lei sapevo di alcuni modelli di pistola forniti con doppia canna solitamente di lunghezze diverse ed effettivamente dalla foto si evince anche questa caratteristica) e di conseguenzase ha due canne sono entrambe senza matricola perchè non ci può essere la stessa matricola su due canne diverse, e denunciando 2 matricole diverse si andrebe ad occupare uno spazio in più in denuncia, quindi vengono prodotte senza matricola...(sempre per quanto ne sappia io). Poi 85 cartucce (perchè si chiamano cartucce e non proiettili) e 49 bossoli esplosi tutto detenuto illegalmente... Beh, potrebbero essere illegali le 85 cartucce se non fossero state denunciate ma per quanto riguarda i bossoli esplosi sono assolutamente di libera detenibilità poichè non contengono materiali esplodenti e pericolosi, quindi anche una persona priva di porto d'arma può detenerne in casa, purchè siano bossoli e non cartucce complete.... Dove sta il reato?? Boh... Una cosa è certa...in Italia noi appassionati di armi siamo guardati sempre con gli occhi storti a causa dei pregiudizi ed in più non siamo tutelati dalla legge perchè nessuno la conosce e la applica come dovrebbe...

Notizie di oggi

  • Nardò

    Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Attualità

    Parla il giovane autore del “controselfie” con Salvini: “Spero in un effetto virale”

  • Politica

    Vita nuova per i pendolari salentini: in arrivo i treni moderni e veloci di Fse

  • Attualità

    Classifica dei Comuni virtuosi ed efficienti: Lecce ancora in zona retrocessione

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

Torna su
LeccePrima è in caricamento