Perseguitano le ex compagne, ma i carabinieri bussano alla loro porta: in due ai domiciliari

Un 56enne di Tricase, separato, è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Lecce. Stessa sorte anche per un 33enne di Leverano.

Foto di repertorio.

TRICASE – I carabinieri sono intervenuti per mettere fine a un incubo ed evitare altre conseguenze anche nel giorno di Natale. Un 56enne di Tricase è stato infatti raggiunto, nelle ultime ore, dai militari del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia locale.

Questi ultimi hanno notificato una ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell’uomo, separato, accusato di atti persecutori nei confronti della ex coniuge. Le indagini hanno infatti accertato una serie di episodi che hanno causato forti stati di ansia alla malcapitata.

Al termine delle formalità di rito, il 56enne è stato ristretto al regime dei domiciliari, su disposizione del gip del Tribunale di Lecce.La stessa sorte è toccata anche a un 33enne originario di Galatina ma ressidente a Leverano, accusato di atti persecutori nei riguardi della ex fidanzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento