Nel portabagagli un ordigno da 550 grammi e parrucca da donna: arrestato

Un 45enne di San Donato di Lecce trovato con munizioni da caccia e un ordigno di cui si ignora destinazione e provenienza. Nella villa comunale di Lecce due denunce per droga

Il materiale sequestrato

SAN DONATO DI LECCE – Detenzione e porto illegale di un ordigno, oltre a munizionamento di caccia: queste le accuse con le quali è finito in arresto un uomo nelle ultime ore. Cosimo Damiano Ingrosso, un 45enne di San Donato di Lecce, è stato infatti scoperto dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia leccese. I militari, che stavano eseguendo un’attività di servizio, hanno notato la Renault Scenic dell’uomo e l’hanno sottoposta a un controllo.

Nel portabagagli, nell’alloggiamento della ruota di scorta e avvolto in una felpa, una parrucca da donna e uno scialle, un ordigno esplosivo di elevato potenziale, di fattura artigianale e privo di dati identificativi, del peso complessivo di 550 grammi di cui 400 solo di polvere esplosiva.  E non è tutto. In casa del 45enne, anche 46 cartucce da caccia calibro 12 e due grammi di hashish: il tutto sottoposto a sequestro. L’ordigno, intanto, è stato messo in sicurezza dagli artificieri del comando provinciale, sopraggiunti per evitare conseguenze. Vista la gravità della posizione dell’uomo, è stato accompagnato nel carcere di Lecce, in attesa di fornire risposte esaustive sull’utilizzo che avrebbe fatto di quel materiale esplosivo.  IMG_3638-3

I carabinieri della compagnia di Lecce, sempre ieri, hanno inoltre denunciato due cittadini per detenzione di droga finalizzata allo spaccio. E’ accaduto in città, dove i militari hanno fermato due ragazzi stranieri nella villa comunale. Dapprima sono stati fermati gli acquirenti, poi segnalati alla prefettura perché trovati con hashish. Poi è toccato ai due pusher: S.A. 19enne originario del Gambia e D.S. 22enne originario del Mali. Addosso, avevano 30 grammi di hashish, 10 g di marijuana e 185 euro in banconote di piccolo taglio. I due sono stati deferiti in stato di libertà, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica, Roberta Licci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento