Incendia le auto dei famigliari per futili motivi: finisce in manette

Un 38enne di Nardò, denunciato in un primo momento, ai domiciliari. Nei guai anche un 24enne magliese

Foto di repertorio.

NARDÒ – Un arresto, a Nardò per incendio doloso, lesioni personali, lesioni aggravate e maltrattamenti in famiglia. Francesco Guagnano, 38enne neretino, è stato ristretto ai domiciliari nelle ultime ore. Tramite una tanica di benzina, ha dato fuoco a due vetture, lo scorso 25 aprile, intestate a due famigliari. Era stato deferito dai militari, dopo il rogo, per quell’episodio dovuto a futili motivi. Ma, a seguito di indagini, è scattato l’arresto.

A Corigliano d’Otranto

I carabinieri di Corigliano d’Otranto hanno denunciato, in stato di libertà, F.P., un 24enne di Maglie, con l’accusa di furto. Le indagini hanno messo in evidenza come il ragazzo avesse rubato un i-Phone di proprietà di un 31enne di Giuggianello, lunedì scorso. La refurtiva, del valore di mille euro, è stata restituita alla vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Riti di affiliazione mafiosa e mire del clan su concerti e bische. "La Scu è ancora viva"

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Covid-19, chi rientra dalle zone colpite deve comunicarlo ai sanitari

Torna su
LeccePrima è in caricamento