Incendia le auto dei famigliari per futili motivi: finisce in manette

Un 38enne di Nardò, denunciato in un primo momento, ai domiciliari. Nei guai anche un 24enne magliese

Foto di repertorio.

NARDÒ – Un arresto, a Nardò per incendio doloso, lesioni personali, lesioni aggravate e maltrattamenti in famiglia. Francesco Guagnano, 38enne neretino, è stato ristretto ai domiciliari nelle ultime ore. Tramite una tanica di benzina, ha dato fuoco a due vetture, lo scorso 25 aprile, intestate a due famigliari. Era stato deferito dai militari, dopo il rogo, per quell’episodio dovuto a futili motivi. Ma, a seguito di indagini, è scattato l’arresto.

A Corigliano d’Otranto

I carabinieri di Corigliano d’Otranto hanno denunciato, in stato di libertà, F.P., un 24enne di Maglie, con l’accusa di furto. Le indagini hanno messo in evidenza come il ragazzo avesse rubato un i-Phone di proprietà di un 31enne di Giuggianello, lunedì scorso. La refurtiva, del valore di mille euro, è stata restituita alla vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

Torna su
LeccePrima è in caricamento