Maltratta i genitori e sfascia i mobili di casa: guai per un 27enne

Il ragazzo, un disoccupato di Sternatia, accompagnato nel carcere di Lecce dopo l’indagine da parte dei carabinieri di Soleto

Foto di repertorio

STERNATIA – Avrebbe minacciato e aggredito i propri genitori in un arco temporale compreso tra agosto e settembre: in manette un 27enne di Sternatia. Mattia Mazzeo, un ragazzo disoccupato del posto, è stato raggiunto nel pomeriggio di ieri dai carabinieri della stazione di Soleto. I militari gli hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Lecce.

Stando a quanto accertato il ragazzo, sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata, avrebbe assunto atteggiamenti costantemente violenti nei confronti dei propri genitori. Li avrebbe aggrediti sia verbalmente, sia fisicamente, arrivando persino al danneggiamento di oggetti e arredo all’interno dell’abitazione. Non è tutto. Le vittime sarebbero state persino minacciate di morte, dopo richieste continue di denaro. Al termine delle formalità di rito, pertanto, il giovane è stato accompagnato nel carcere di Borgo San Nicola.sternatia-3-3

I carabinieri di Squinzano, invece, hanno ristretto al regime degli arresti domiciliari Piero Mammarella, un 59enne di Chieti, ma residente nella cittadina salentina. Il provvedimento, emesso dal Tribunale di L’Aquila, è scaturito da una segnalazione per resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza nella città abruzzese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento