Luci e aerazione in due box: servivano per coltivare “erba”, nei guai

Un 35enne di Matino fermato in flagranza di reato, a Melissano, con l’accusa di produzione, traffico e detenzione di droga

Le piante e il materiale sequestrati.

MELISSANO - In manette per produzione, traffico e detenzione di droga. Un 35enne di Matino beccato, nel pomeriggio di sabato, in flagranza di reato. Si tratta di Luciano Stendardo, fermato a Melissano dai carabinieri della stazione locale. In due box in uso all’uomo, i militari hanno rinvenuto un impianto di illuminazione ed aerazione attivabili tramite un timer a distanza.DROGA STENDARDO-2-4

Una “serra” domestica ben attrezzata dal 35enne per la coltivazione di piante illegali. Ma è scattata la perquisizione da parte delle forze dell’ordine, che da tempo lo tenevano sotto controllo. All’interno dei locali sottoposti a verifica sono spuntati dieci arbusti di marijuana: sei di questi coltivati in serra e gli altri in vaso. Sul posto, anche 96 infiorescenze della stessa sostanza, già essiccata, per un peso di circa 390 grammi.

E non è tutto: i carabinieri hanno anche sequestrato ulteriori 160 grammi di “erba” e vario materiale usato per produrre e confezionare le dosi di stupefacente. Al termine del controllo, Stendardo è stato dichiarato in arresto e condotto presso la propria abitazione, in regime di arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

Torna su
LeccePrima è in caricamento