Assassinò rom nel bar, ergastolo confermato in appello per "Triglietta"

Perrone, arrestato il mese scorso dopo 63 giorni di latitanza e la fuga, era presente in aula. Il suo avvocato ha contestate l'aggravante dei futili motivi e chiesto che non si tenesse conto dei recenti fatti di cronaca

Il luogo dell'omicidio.

LECCE – La parola ergastolo è risuonata nell’aula bunker della Corte d’assise d’appello di Lecce. Conferma del carcere a vita (dopo una breve camera di consiglio e così come chiesto dal sostituto procuratore generale Nicola D’Amato) per Fabio Antonio Perrone, il 43enne accusato del delitto di Fatmir Makovic, 45enne, e del tentato omicidio di suo figlio 16enne, avvenuti la notte tra il 28 e il 29 marzo 2014 in un bar di Trepuzzi.

L’imputato è già stato condannato all’ergastolo in primo grado con il rito abbreviato per omicidio volontario aggravato da futili motivi e tentato omicidio, è assistito dall’avvocato Ladislao Massari. Perrone, arrestato il mese scorso dopo 63 giorni di latitanza e la fuga dall’ospedale “Vito Fazzi” era presente in aula. Il detenuto è stato trasferito sabato dal carcere di Catanzaro a Taranto, da dove ha poi raggiunto Lecce e l’aula bunker di Borgo San Nicola.

L’avvocato Massari ha sollevato la legittimità costituzionale della norma che esclude in appello la presenza del pubblico nei processi che provengono dal rito abbreviato (celebrato a porte chiuse). La Corte, dopo essersi ritirata in camera di consiglio, ha rigettato la richiesta della difesa. Nella sua lunga arringa difensiva l’avvocato Ladislao Massari ha confutato l’aggravante dei futili motivi, auspicando che la condanna non tenesse conto dei recenti fatti di cronaca che hanno visto come protagonista il suo assistito.

Quello di Makovic è un delitto per certi versi ancora misterioso, sul cui iter giudiziario ha pesato la reticenza di quasi tutti i testimoni. Perrone raccontò di aver trascorso la serata nel bar, dove sarebbe poi scoppiato un litigio con alcuni cittadini residenti nel campo sosta Panareo, tra cui la vittima e due dei suoi figli. La discussione sarebbe poi proseguita all’esterno dell’esercizio commerciale, dove Perrone sarebbe stato affrontato e dove, strappata l’arma a uno degli aggressori (non ha saputo specificare se a estrarre la calibro 9 sia stata la vittima), sarebbe iniziata la sparatoria. Una tesi confutata, però, dalla perizia dattiloscopica eseguita sull’arma del delitto (una Crvena Zastava, una pistola calibro 9 semi automatica di fabbricazione serba, una delle tante armi arrivate sulle nostre coste dopo il conflitto che ha infiammato e disgregato l’ex Jugoslavia).

foto PERRONE Fabio Antonio cl 1973 da Trepuzzi LE (1)-2A suo dire avrebbe sparato alla cieca, obnubilato da una sorta di furia mista a spirito di sopravvivenza. Furono ben sedici i colpi esplosi da Perrone (sette quelli che hanno colpito Fatmir Makovic, finito nel bagno dell’esercizio commerciale), che ha svuotato l’intero caricatore della pistola, corredata da caricatore da 15 proiettili (più uno in canna). Il bilancio di quel folle venerdì di sangue poteva dunque essere più tragico.

Non sembra aver convinto gli inquirenti l’ipotesi di un litigio sfociato in una spietata vendetta. Già al momento dell’arresto gli investigatori contestarono l’aggravante delle modalità mafiose, sintomo che dietro l’agguato di venerdì notte si nasconde qualcosa di più complesso e rilevante sotto il profilo criminologico. Aggravante che la Procura non ha però contestato.

Gli uomini del Nucleo investigativo dei carabinieri (guidati dal capitano Biagio Marro) hanno raccolto e messo insieme i tasselli di un’indagine complessa, finalizzata a stabilire quali interessi avessero riportato Perrone nella sua Trepuzzi (l’uomo da qualche tempo si era trasferito in Toscana) e cosa abbia portato “Triglietta” (com’era conosciuto negli ambienti criminali) a scontrarsi con la vittima, persona molto conosciuta nella comunità del campo sosta Panareo, dove risiedeva. Il 43enne, del resto, è ritenuto dagli investigatori un elemento di spessore della criminalità locale, che ha già scontato 18 anni di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso, armi e droga.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • però. Se si pensa che Mario Moretti ed altri sono già in libertà dopo la strage di 5 poliziotti e poi l' omicidio di Aldo Moro ... e un reato associativo di cui non si sono mai pentiti né hanno mai pienamente collaborato, ma solo dissociatisi ...

  • E'noi paghiamo cosa sidevefare purtroppo

  • un'altro a carico della società, ma quantomeno italiano,invece tutti gli altri parlo di migranti e non che vengono arrestati per spaccio, omicidi , rapine, furti perchè invece di ingolfare le nostre carceri a spese del cittadino,non vengono mandati a scontare la pena nei loro pèaesi di origine dove le carceri sono carceri enon hotel a quattro stelle come sembrano a questi

  • Fine della storia criminale di un povero Cristo sentiremo parlare di lui...forse alla sua morte...

  • Credo che la fuga sarà per questo signore lo scopo della sua vita, come accadde per Graziano Mesina negli anni 70. Mitica la fuga dal carcere Bobó che mise in fibrillazione un'intera provincia.

  • Dovremo mantenere, con parte delle nostre tasse questo parassita, pagandogli pranzo e cena per TUTTA LA SUA VITA.C'è poco da stare allegri.

    • Basta commenti croce va a lavorar....

  • Giusto il suo abitat

Notizie di oggi

  • Sport

    Il Lecce torna a vincere al Via del Mare: doppietta di Lepore e Caturano

  • Politica

    Delli Noci molla gli ormeggi: “Non sono un bussolotto in mano a qualcuno”

  • Gallipoli

    Notte di fuoco tra Gallipoli e Nardò: il bilancio è di sette mezzi distrutti

  • Galatina

    Ladro in manette dopo le urla del proprietario. Anche due 19enni nei guai

I più letti della settimana

  • Sequestro da un milione e 600mila euro: nella mani della Dia patrimonio di Schipa

  • Indagine lampo dopo le tre rapine: blitz a "Panareo", scattano arresti

  • Scontro fra Suv e Ape, 63enne in codice rosso al "Vito Fazzi"

  • Il pigiama prende fuoco per la stufa a gas, ustionato un bimbo di 8 anni

  • Banda scatenata: tre rapine in mezzora a supermercati e farmacia

  • Processo "Eclissi", il collaboratore: "I manifesti elettorali? Un affare del clan"

Torna su
LeccePrima è in caricamento