Assenteismo sul posto di lavoro, medico sarà giudicato in abbreviato

Si aprirà a febbraio il processo a Fulvio Indirli, direttore della struttura operativa di Radiodiagnostica dell’ospedale di Campi

LECCE - Sarà giudicato col rito abbreviato Fulvio Pierenzo Indirli, 65 anni di Novoli, direttore della struttura operativa di Radiodiagnostica dell’ospedale di Campi Salentina, per la vicenda che, la scorsa estate, gli costò l’interdizione dai pubblici uffici per sei mesi.

L’accusa è quella di essersi allontanato dal posto di lavoro per dedicarsi a faccende personali. Il processo si terrà a febbraio dinanzi al gup (giudice per l’udienza preliminare) Giovanni Gallo che, in mattinata, ha accolto la richiesta formulata dallo stesso imputato di essere giudicato con il rito alternativo.

Stando alle indagini, condotte dal sostituto procuratore Maria Vallefuoco con i carabinieri del Norm della Compagnia di Campi Salentina, il direttore dopo aver passato il badge d’entrata e aver trascorso qualche ora nella struttura ospedaliera, si sarebbe allontanato senza passare il badge, cosa che avrebbe fatto solo, una volta rientrato, per attestare la fine della giornata lavorativa.

Per giustificare la sua condotta, nell’interrogatorio del 9 luglio scorso, l’indagato produsse documentazione che accertava problematiche personali, ma per il gip Cinzia Vergine  il materiale prodotto non poteva incidere sulla decisione di sospenderlo dall’attività, facendo riferimento a un periodo differente da quello oggetto della contestazione (tra l’ottobre e il novembre dello scorso anno).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • E ci meravigliamo delle liste d'attesa nella sanità pubblica!

    • Concordo in toto. Ma se paghi intra moenia , la visita inizialmente procrastinata a 6 mesi, te la fanno l'indomani. E noi come pecoroni sottostiamo al poro potere decisionale......decisionale sulla nostra pelle e salute nonostante paghiamo le tasse più alte del mondo. Popolo di pecoroni sempre a chinare il capo e brucare erba marcia. In Francia per pochi centesimi di aumento del carburante. Il popolo ha cosyretto ol governo a tornare sulle proprie decisioni. Ma si sa....il popolo francese ha sangue caldo mentre il nostro da caldissimo che era si è annacquato . ormai abbiamo perennemente la vaselina nel deretano percui chiunque , politico e non,Ne. può abusare.

Notizie di oggi

  • Nardò

    Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Attualità

    Parla il giovane autore del “controselfie” con Salvini: “Spero in un effetto virale”

  • Politica

    Vita nuova per i pendolari salentini: in arrivo i treni moderni e veloci di Fse

  • Attualità

    Classifica dei Comuni virtuosi ed efficienti: Lecce ancora in zona retrocessione

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

Torna su
LeccePrima è in caricamento