Notte folle: rotti vetri di pullman, roghi di auto e nel mercato comunale

A Nardò teppisti contro i mezzi di Fse in stazione e una Fiat Idea bruciata. A Copertino date alle fiamme le cassette di un commerciante di frutta e verdura

Fotografie di Antonio Quarta.

LECCE - Atti di vandalismo che hanno provocato danneggiamenti di varia entità. In due casi, usando il fuoco che ha determinato vere e proprie distruzioni. E se c’è qualcosa di più di “semplice” gesti d’inciviltà, ovvero piste criminali vere e proprie, cercheranno di svelarlo le indagini, affidate in un caso alla polizia, in altri due ai carabinieri.

Di certo, dal cuore della notte alle prime luci dell’alba, in due grossi centri del Salento, quali Nardò e Copertino, non sono stati affatto momenti di tranquillità. Da mezzanotte e mezzo circa fino alle 8 di questa mattina, forze dell’ordine e vigili del fuoco sono stati al lavoro quasi senza soluzione di continuità per episodi che non sono collegati fra loro in alcun modo, ma che pure si sono avvicendanti a scadenza di poche ore gli uni dagli altri.

Il primo caso riguarda tre dei cinque pullman delle Ferrovie Sud Est in sosta nel parcheggio della stazione di Nardò. Un luogo facilmente accessibile anche per i malintenzionati, evidentemente.

Poco dopo mezzanotte qui è intervenuta una volante del commissariato di polizia, per via di alcuni danni che, con ogni probabilità, sono il frutto di teppismo allo stato puro, perché non sembrano avere una logica chiara, né un messaggio preciso indirizzato a qualcuno. Ignoti, infatti, usando forse pietre e mazze, hanno rotto vetri anteriori e posteriori dei mezzi di trasporto e spalancato porte.

Si spera che qualche videocamera possa aver immortalato qualcosa, magari il passaggio dei vandali che si sono divertiti soprattutto a infrangere i cristalli. Lunedì il commissariato predisporrà altri accertamenti. Ferrovie Sud Est, che ha in corso una riprogrammazione corse per domani, in modo da garantire il servizio, quantifica i danni in 5mila euro.

Ma la notte a Nardò era appena iniziata. Intorno alle 3,30, ecco un altro intervento, questa volta in via Parini. Qui era parcheggiata l’autovettura di una donna di 53 anni. La sua Fiat Idea è andata praticamente distrutta. I vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli non hanno potuto fare altro che spegnere le fiamme. Sul posto è intervenuta anche un’auto del Norm di Gallipoli, per i primi accertamenti investigativi. Le indagini, ora, sono in mano ai militari della stazione neretina. Non sono stati trovati segni di dolo, ma, ovviamente, non è un’ipotesi da escludere e i carabinieri stanno cercando di appurarlo. Per ora, non sembra che la donna abbia saputo riferire di un possibile movente.

E’ invece quasi sicuramente doloso il rogo divampato poco dopo l’alba di oggi nell’area  del mercato coperto comunale di Copertino, che ha l’ingresso su via Pietro Mascagni. In questo caso, le fiamme hanno interessato una trentina di cassette di legno e plastica di un commerciante 54enne, titolare di un chiosco di frutta e verdura.

Le fiamme sono state domate in questo caso da una squadra di vigili del fuoco provenienti da Lecce e hanno provocato anche l’annerimento della parete esterna dell’edificio. Non è chiaro neanche in questo caso il movente del gesto, segnalato ai carabinieri della tenenza locale. Il danno è da quantificare e le indagini sono appena iniziate.   

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Pinco
    Pinco

    A mio parere sono gli stessi teppisti che han dato fuoco ad altre autovetture.. Ormai ci han preso gusto visto che nn si riesce ad individuarli...Sarebbe molto bello che qualche collega di questi emeriti teste di...mettesse fuoco a qualche autovettura di qualche loro famigliare,forse solo così capirebbero il danno che stanno causando a tante famiglie...già la vita è difficile x tutti,poi ci si mettendo pure questi @#?*%$i ed il piatto è servito...

  • Ma cosa sta succedendo? un deposito senza allarme né telecamere??? Signor Questore visto che è appena arrivato si renda subito conto che lecce non è la Liguria. Prenda in mano la situazione che i cittadini perbene hanno diritto di avere serenità.

  • Possibile che in una stazione ferroviaria con annesso deposito di pulman non ci sia un allarme? O un qualsiasi guardiano? Siamo nel ridicolo.

  • Ormai vige la legge della Giungla, in barba a tutte le assicurazioni che ci rifilano.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Attualità

    "Terra di pace e di accoglienza". Dalla Provincia il benvenuto a Salvini

  • Cronaca

    In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Salute

    I salentini? Forti di cuore, ma consumano troppi farmaci per asma

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Oltre 1 chilo di cocaina, arrestato il fratello del boss del clan "Vernel"

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Far West vicino alla banca: spari in aria, rapinati 35mila euro

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento