Autovelox di Villa Convento, 6mila e 500 infrazioni in meno di un anno

Il limite è di 50 chilometri orari. Ma il trend di sanzioni sta leggermente diminuendo. Il vicecomandante della polizia provinciale, Lazzari: "Strada più sicura, residenti e aziende ringraziano"

Foto LC.

LECCE - C’è chi preferisce non rischiare affatto. Come gli automobilisti che appena usciti dalla città fossilizzano il piede sull’acceleratore a 50 chilometri orari, in direzione Villa Convento, frazione di Lecce, sulla via per Novoli. Non li smuovi da quella estenuante e indecifrabile andatura nemmeno con il clacson che imita un barrito. Bisogna farsene una ragione, perché gli automobilisti lumaca percorreranno circa 8 chilometri, tale è la distanza tra Lecce e Villa Convento, a 50 km/h. Diranno: “Meglio non rischiare, se questo è il limite di velocità imposto dalla cartellonistica stradale”.  

Cosa succede, i salentini alla guida sono diventati finalmente educati e disciplinati? Diciamo che l’alta velocità è scoraggiata dal rischio di essere pizzicati dall’autovelox fatto installare dalla Provincia di Lecce su quel tratto di strada. E che fino ad ora ha portato nelle casse dell’ente, in poco meno di un anno, qualcosa come 388mila euro di multe. Ma questa cifra è solo la metà della torta, dato che l’ammontare si riferisce al 50% dell’intero pacchetto di multe fino ad ora registrate, se si escludono 480 ricorsi.

In poco meno di un anno, il dispositivo a postazione fissa con un nome marziano, “EnVES EVO MVD”, dal 10 agosto 2016, giorno in cui è stato installato, fino ad aprile 2017, ha accertato la bellezza di 6573 infrazioni. Ma c’è un piccolo dato positivo: nel 2016, da agosto a dicembre, le multe sono state 3445 mentre da gennaio ad aprile 2017 il trend inverte leggermente: le multe sono al momento 3128. E gli incidenti, secondo la Provincia, diminuiti.

L’autovelox fa capolino a poco più di 2 km da Lecce, direzione Villa Convento, ed è opportunamente segnalato fino alla noia dalla cartellonistica stradale. La polizia provinciale, su indicazione di Palazzo dei Celestini, fece posizionare l’autovelox il 10 agosto dello scorso anno. Scopo, secondo lo studio dell’ente sulle strade a rischio, mettere in sicurezza la Lecce-Villa Convento scoraggiando l’alta velocità, in particolare modo, ad un paio di chilometri da Lecce, il tratto di strada con bollino rosso dove sorgono aziende e abitazioni.  I maligni diranno invece che quell’occhio elettronico è stato messo lì soprattutto per fare cassa. Tant’è.

La sanzione può aggirarsi mediamente intorno a 130 euro e tre punti decurtati alla patente, se si viene fotografati mentre non rispettiamo i 50 km/h e viaggiamo invece a poco più di 70 km/h. Già. Ma attenzione, ci sono solo cinque giorni di “promozione” per cavarsela “appena” con 130 euro di multa. Chi non approfitta della vantaggiosa offerta, proprio come accade nel mondo del marketing, sarà costretto a sborsare 185 euro, ma avrà 60 giorni per farlo.

Si può fare sempre appello. I dati forniti dalla polizia provinciale parlano di circa 480 ricorsi presentati dagli automobilisti ai quali non è andato giù vedersi recapitare la sanzione. Tre sono state le sentenze rigettate, quattro le archiviazioni. La metà di questi ricorsi sono finiti sulla scrivania del prefetto di Lecce, la restante su quella del giudice di pace.

“L’obiettivo della Provincia di Lecce è quello di mettere in sicurezza le strade di sua competenza – spiega il vice comandante della polizia provinciale, Giuseppe Lazzari - proprio in quei punti ritenuti pericolosi e individuati dal decreto prefettizio. Noi eseguiamo le direttive dell’ente provinciale – aggiunge – per il controllo delle strade di propria competenza, considerando che il territorio è attraversato da 2200 chilometri di rete stradale”.

“In riferimento alla Lecce-Villa Convento, insieme con il comandante Antonio Arnò – fa notare il vice Lazzari – abbiamo ricevuto ringraziamenti da parte dei residenti e dagli imprenditori le cui aziende sorgono lungo strada; tutti hanno riferito che da quando c’è l’autovelox la strada è più sicura, così come gli accessi nelle proprietà, ed è migliorata la vivibilità della zona”.

Intanto, dopo una serie di sopralluoghi e studi da parte della polizia provinciale, con tutta probabilità il limite di velocità passerà da 50 km/h attuali a 60 km/h con lo scopo di rendere rendere più fruibile la strada.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento