"Banda del buco" nel centro scommesse: rubati i soldi della cassaforte

E' successo di notte a Gallipoli, in via San Lazzaro. Il furto ammonta a 15mila euro. Sul posto la polizia per svolgere sopralluoghi. Acquisiti i filmati

GALLIPOLI – Un’Epifania da 15mila euro. E, hai voglia a riempire calze di cioccolatini e dolciumi, con 15mila euro. A tanto ammonta il bottino, in contanti e per ogni taglio, di un furto molto ben organizzato, avvenuto a Gallipoli nella notte a cavallo fra venerdì 4 e sabato 5 gennaio.

Ad agire, la classica “banda del buco”. Un manipolo di malviventi abile a farsi breccia, nel vero senso della parola, fra le pareti che dividono uno stabile al momento disabitato e un centro di scommesse sportive, il Sisal Matchpoint di via San Lazzaro, una traversa che scorre fra corso Roma e via XX Settembre. Dunque, nel pieno centro della Città Bella.

Furto scoperto al mattino

Il furto è stato scoperto solo al mattino, dal titolare, che nel primo pomeriggio s’è recato presso il Commissariato di polizia per sporgere denuncia. Sul posto si sono così diretti una volante e la scientifica per un sopralluogo approfondito.

E’ probabile che i ladri abbiano lavorato a lungo, nella fase preparatoria. Dovevano innanzitutto sapere che accanto c’è un’abitazione vuota. Quindi, hanno presumibilmente svolto appostamenti e fatto verifiche per avere la certezza di poterla sfruttare senza ritrovarsi qualche sorpresa a loro sgradita.

Un foro nella parete

Per accedere, hanno sfruttato un lucernario. Poi, hanno iniziato a scavare un foro nel muro, raggiungendo in breve l’attiguo locale al pian terreno che ospita il centro di scommesse sportive. Probabile anche che la maggior parte del "lavoro" sia stato svolto nei giorni precedenti e che lo sfondamento finale sia avvenuto solo la notte in cui s’è deciso di passare all’azione finale.

Certo è che, una volta all’interno del centro, i malviventi sono riusciti a scovare e scardinare la cassaforte. Era quello il loro obiettivo. Dentro, ea custodita la cospicua somma. Per uscire, i ladri hanno fatto semplicemente il percorso inverso. E via nella notte con il malloppo.

I precedenti simili in città

Gli investigatori del Commissariato, ora, stanno svolgendo tutte le indagini del caso. Hanno acquisito i sistemi di videosorveglianza e stanno cercando di capire come la banda abbia potuto disattivare il sistema d’allarme. Di sicuro, il danno è stato notevole, e ovviamente non solo per il furto patito, ma anche per le infrastrutture danneggiate.  

A Gallipoli furti con questa tecnica non sono una novità. Eclatanti sono stati, a febbraio dell’anno scorso, quello ai danni della tabaccheria di via Antonietta De Pace e, qualche mese prima, nel novembre del 2017, nella chiesa del Rosario, entrambi collocati nel centro storico della località jonica. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tampona un autoarticolato, donna di 57 anni muore intrappolata

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Operazione "Vele": mafia, droga e spari, oltre 40 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento