Botte e minacce alla madre per farsi consegnare del denaro, arrestata

Una 21enne di Tricase è finita in carcere, dopo la denuncia della vittima, per maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione

LECCE – Per mesi, tra gennaio e ottobre, ha tentato di costringere, con minacce e aggressioni, la madre a consegnarle del denaro per comprare la droga. E’ stata proprio la denuncia della vittima a dare avvio all’inchiesta che ha portato all’arresto di una 21enne di Tricase, Maria Isler, per maltrattamenti contro familiari e conviventi, danneggiamento e lesioni continuate e tentata estorsione continuata e aggravata.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Lecce è stata eseguita dai carabinieri di Tricase, che hanno svolto un’articolata attività d’indagine, raccogliendo elementi e fonti di prova nei confronti della 21enne. L’arrestata, dopo le formalità di rito, è stata trasferita nella casa circondariale di Lecce. Venerdì alla presenza del suo legale, l’avvocato Tony Indino, comparirà dinanzi al gip Simona Panzera per l’interrogatorio di garanzia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Centrodestra, corsa per le primarie. Cavallari e De Cristofaro i garanti

  • Politica

    La ripartenza di Salvemini: “È necessario insistere per il cambiamento”

  • Cronaca

    Farmaci e dispositivi medici scaduti, scatta il sequestro del Nas al "Fazzi"

  • Cronaca

    Giovane straniero blocca e disarma il rapinatore in fuga dal supermercato

I più letti della settimana

  • Esce fuori strada e l’auto si ribalta: perde la vita a soli 19 anni

  • Si schianta mentre fa enduro nella pineta, muore un motociclista

  • Droga e armi, 27 arresti: dall'Albania tramite il Salento ramificazioni in tutta Italia

  • Notte di paura: ordigno sotto l'auto di una coppia che gestisce un bar

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Accerchiato, pestato e colpito con un coltello all'esterno della discoteca

Torna su
LeccePrima è in caricamento