Botte e minacce alla madre per farsi consegnare del denaro, arrestata

Una 21enne di Tricase è finita in carcere, dopo la denuncia della vittima, per maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione

LECCE – Per mesi, tra gennaio e ottobre, ha tentato di costringere, con minacce e aggressioni, la madre a consegnarle del denaro per comprare la droga. E’ stata proprio la denuncia della vittima a dare avvio all’inchiesta che ha portato all’arresto di una 21enne di Tricase, Maria Isler, per maltrattamenti contro familiari e conviventi, danneggiamento e lesioni continuate e tentata estorsione continuata e aggravata.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Lecce è stata eseguita dai carabinieri di Tricase, che hanno svolto un’articolata attività d’indagine, raccogliendo elementi e fonti di prova nei confronti della 21enne. L’arrestata, dopo le formalità di rito, è stata trasferita nella casa circondariale di Lecce. Venerdì alla presenza del suo legale, l’avvocato Tony Indino, comparirà dinanzi al gip Simona Panzera per l’interrogatorio di garanzia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Cronaca

    Pestato e ferito da un colpo d'arma, preso il complice del violento raid

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

  • Cronaca

    Morte in carcere, prime conferme sul suicidio. Resta il nodo dei farmaci

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento