Botte e minacce alla madre per farsi consegnare del denaro, arrestata

Una 21enne di Tricase è finita in carcere, dopo la denuncia della vittima, per maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione

LECCE – Per mesi, tra gennaio e ottobre, ha tentato di costringere, con minacce e aggressioni, la madre a consegnarle del denaro per comprare la droga. E’ stata proprio la denuncia della vittima a dare avvio all’inchiesta che ha portato all’arresto di una 21enne di Tricase, Maria Isler, per maltrattamenti contro familiari e conviventi, danneggiamento e lesioni continuate e tentata estorsione continuata e aggravata.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Lecce è stata eseguita dai carabinieri di Tricase, che hanno svolto un’articolata attività d’indagine, raccogliendo elementi e fonti di prova nei confronti della 21enne. L’arrestata, dopo le formalità di rito, è stata trasferita nella casa circondariale di Lecce. Venerdì alla presenza del suo legale, l’avvocato Tony Indino, comparirà dinanzi al gip Simona Panzera per l’interrogatorio di garanzia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sesso con il pm per avere vantaggi, l'avvocatessa sotto torchio per un'ora

  • Cronaca

    "Favori & Giustizia", il direttore generale dell'Asl Narracci respinge le accuse

  • Cronaca

    Il "sistema Arnesano" andava fermato, la denuncia dei suoi stessi colleghi

  • Attualità

    Più navette e 1350 parcheggi gratis nel week end, in centro si paga in sei festivi

I più letti della settimana

  • Sesso e regali per favori e processi: in arresto un pm, dirigenti sanitari e avvocata

  • Travolto da un’autovettura, un 62enne perde la vita davanti alla moglie

  • Ore di apprensione a Casarano: rintracciato di notte 22enne scomparso nel nulla

  • Forte boato squarcia il Nord Salento. L'Aeronautica: "Un bang sonico"

  • Bancarotta fraudolenta aggravata: quattro imprenditori in arresto

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

Torna su
LeccePrima è in caricamento