Incendiata l'auto di famiglia di un caporeparto del 115: caccia ai piromani

L’episodio poco prima della mezzanotte, in città, in via San Cesario di Lecce. Colpita la vettura intestata alla figlia di un pompiere in servizio presso il comando provinciale

Il luogo in cui si è verificato il rogo.

LECCE – Incendio doloso, poco prima della mezzanotte, in città: a fuoco l’auto intestata a una giovane donna, figlia di un caporeparto dei vigili del fuoco, un 55enne in servizio al comando provinciale leccese. Il rogo, divampato in via San Cesario di Lecce, all’intersezione con una strada secondaria, ha colpito la parte anteriore di una Lancia Y, in sosta nei pressi dell'abitazione della famiglia malcapitata: il parabrezza risulta essere la parte maggiormente danneggiata.

Una bottiglietta incendiaria, probabilmente quella rinvenuta dalle forze dell’ordine durante il sopralluogo, potrebbe essere stata piazzata dai piromani sul parabrezza, le fiamme hanno poi incenerito parte del cruscotto, risparmiando fortunatamente il resto della carrozzeria e le altre vetture parcheggiate nelle vicinanze. Un'eventualità sulla quale gli investigatori stanno ora lavorando. Sul luogo, poco dopo, gli stessi colleghi del pompiere, accorsi immediatamente per domare l’incendio e mettere in sicurezza la zona. È stato eseguito, come da prassi, un primo sopralluogo nei pressi del luogo dell'accaduto, anche alla presenza degli agenti di polizia della sezione volanti e della polizia scientifica.

IMG_7485-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un primo, interessante elemento investigativo non si è fatto attendere: una bottiglietta sospetta in plastica, parzialmente intaccata dal fuoco, è stata rinvenuta sul luogo: potrebbe trattarsi di quella utilizzata dai malviventi per appiccare le fiamme. Ora sono in corso le indagini: la famiglia vittima del gesto è stata ascoltata per chiarire se possano esserci stati eventuali contrasti con qualcuno di recente. Ma saranno soprattutto le videocamere di sorveglianza installate nell’area circostante a fare il resto: in quei fotogrammi, forse l’identità dei piromani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

  • Rave nelle campagne, musica sparata per ore: sgomberati in circa 300

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento