Bulli rapinano ragazzini nella Villa comunale, ma vengono individuati

Un 34enne e un 26enne, entrambi leccesi, denunciati dalla polizia. Avevano depredato alcuni minorenni di cellulare e soldi

LECCE - Un 34enne e un 26enne, entrambi leccesi, sono stati denunciati per rapina in concorso ai danni di tre ragazzini, tutti minorenni, che domenica si trovavano all’interno della Villa comunale. Un gesto vigliacco, da veri e propri bulli, e anche piuttosto “cresciutelli”, a discapito di alcuni giovani che devono essersi sentiti fortemente intimiditi e che di sicuro sono stati sopraffatti, nonostante un tentivo di resistenza.  

Sul posto l’altro giorni si sono recati gli agenti di polizia delle volanti, che hanno ricostruito la vicenda. I due delinquenti si sono avvicinati ai tre amici e uno di loro ha chiesto, con tono perentorio, di dargli dei soldi. Loro si sono rifiutati, ma quel punto ha tentato di strappare a uno dei tre il cellulare. Non riuscendovi, il complice è intervenuto in aiuto e insieme non oslo hanno sottratto il cellulare e colpito con un pugno in pieno viso un altro dei ragazzini, ma hanno portato via pure 10 euro dal portafoglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Subito dopo si sono allontanati, facendo perdere le tracce. Ma le indagini, sulla base di descrizioni e testimonianze, hanno portato a individuarli e denunciarli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento