Bulli rapinano ragazzini nella Villa comunale, ma vengono individuati

Un 34enne e un 26enne, entrambi leccesi, denunciati dalla polizia. Avevano depredato alcuni minorenni di cellulare e soldi

LECCE - Un 34enne e un 26enne, entrambi leccesi, sono stati denunciati per rapina in concorso ai danni di tre ragazzini, tutti minorenni, che domenica si trovavano all’interno della Villa comunale. Un gesto vigliacco, da veri e propri bulli, e anche piuttosto “cresciutelli”, a discapito di alcuni giovani che devono essersi sentiti fortemente intimiditi e che di sicuro sono stati sopraffatti, nonostante un tentivo di resistenza.  

Sul posto l’altro giorni si sono recati gli agenti di polizia delle volanti, che hanno ricostruito la vicenda. I due delinquenti si sono avvicinati ai tre amici e uno di loro ha chiesto, con tono perentorio, di dargli dei soldi. Loro si sono rifiutati, ma quel punto ha tentato di strappare a uno dei tre il cellulare. Non riuscendovi, il complice è intervenuto in aiuto e insieme non oslo hanno sottratto il cellulare e colpito con un pugno in pieno viso un altro dei ragazzini, ma hanno portato via pure 10 euro dal portafoglio.

Subito dopo si sono allontanati, facendo perdere le tracce. Ma le indagini, sulla base di descrizioni e testimonianze, hanno portato a individuarli e denunciarli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento