Cade durante la manutenzione della barca, finisce in prognosi riservata

Un 35enne di Gallipoli ricoverato al "Fazzi". Non rischia la vita. E' precipitato da una scala. Sul posto carabinieri e Spesal

Gallipoli, viale Marconi.

GALLIPOLI – E’ caduto malamente da una scala, da circa 3 metri d’altezza, mentre stava svolgendo lavori di manutenzione alla barca da motopesca di proprietà della sua famiglia. S.C.G. , un 35enne di Gallipoli, è ora ricoverato in prognosi riservata all’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce.

L’incidente s’è verificato nella tarda mattinata di oggi a Gallipoli, all’interno del cantiere nautico del gruppo Sea Projecat, in viale Marconi. L’uomo stava svolgendo alcuni lavori di sistemazione nel piazzale, di fronte al mare, ma, per cause in fase d’accertamento, ha perso l’equilibrio ed è precipitato.

Sul posto sono stati chiamati gli operatori del 118, che l’hanno trasportato in ospedale, con codice rosso. Al momento si trova ricoverato, ma non corre rischi per la vita. Sul luogo dell’incidente, per gli accertamenti, sono intervenuti i carabinieri della stazione gallipolina e gli ispettori sanitari dello Spesal, per quanto concerne le valutazioni da svolgere sugli ambienti lavorativi.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Una 15enne: “Lo zio mi ha molestata per sette anni”. Via all’inchiesta

  • settimana

    Nuova irruzione in banca in pieno giorno: caccia ai rapinatori

  • Attualità

    Si urla al complotto per un photored, ma sulle regole poi ci si autoassolve

  • Cronaca

    Farmaci scaduti al “Vito Fazzi”, convalida del sequestro. Due indagati

I più letti della settimana

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Si scaglia contro il rapinatore e lo fa arrestare: da lunedì avrà un contratto nel market

  • Fascette per legargli zampe e collo, un cane chiuso nel sacco e gettato nel canale

  • Impatto devastante all'incrocio di notte: due feriti e auto distrutte

  • Giallo Martucci, rivelazioni delle sorelle. “L’assassino lo abbiamo tra le mani, andate a prenderlo”

  • S'imbatte nella Classe A, riconosce i truffatori e li fa prendere dalla polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento