Calci e pugni sull’avvocatessa in vacanza per scipparle la borsa: arrestati

Una 50enne e un 48enne, entrambi leccesi, fermati ieri sera dalla polizia: risponderanno di rapina. Sono stati fermati dalla polizia. Il testimone: "Tutti a guardare e nessuno si è fermato"

Foto di repertorio

LECCE - Una storia nella storia intrisa di violenza da un lato, di omertà e mancanza di senso civico dall'altro. Uno scippo, ai danni di un’avvocatessa 51enne residente a Bologna, ma tornata in vacanza nella sua terra, è terminato con due arresti. A finire in manette Sabrina Citiso, 50 anni e Francesco De Spoto, 48enne, due leccesi fermati nella tarda serata di ieri dagli agenti di polizia della sezione volanti di Lecce. Intorno alle 22,30, i due hanno inseguito la vittima in via Cesare Battisti, fino all’angolo con la circonvallazione, per strapparle la borsa.

La malcapitata ha cercato di trattenere a sé la propria tracolla ma la Citiso l’ha strattonata, colpendola con pugni e graffi per impossessarsi della borsa. L’ha praticamente trascinata per alcuni metri dove, ad attendere la scippatrice, vi era il complice: quest’ultimo si trovava a bordo di una Lancia Y di colore bordeaux e ha incitato la donna a portare a termine l’azione criminale: “Dai, sbrigati”.

Fortunatamente è stato un 34enne di passaggio a notare la scena e ad allertare il 113. Il testimone, l'unico a fermarsi, ha prestato soccorso alla malcapitata mentre "Diversi cittadini guardavano senza muovere un dito. Alcuni se ne stavano affacciati alla finestra a riprendere la scena coi cellulari, forse pensando a un violento litigio di coppia".  Soltanto in un secondo momento si è aggregato un residente della zona, che intanto si è rivestito per scendere in strada, e ha aiutato il 34enne a gestire la situazione fino all'arrivo della volante.

Il personale della questura ha intercettato l’autovettura nel giro di pochi minuti e bloccato i due. I due, noti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati con l’accusa di rapina in concorso. Il 48enne, inoltre, essendo affidato in prova ai servizi sociali del Tribunale di sorveglianza di Lecce, è stato anche denunciato per inosservanza agli obblighi imposti dalla misura e per resistenza e minacce a pubblico ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento