Calunnia e diffamazione, a giudizio l'ex sindaco di Specchia Antonio Lia

Si aprirà il prossimo 6 novembre, dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Tricase, all'ex onorevole e sindaco di Specchia Antonio Lia. Il gup del Tribunale di Lecce, Antonia Martalò, lo ha rinviato a giudizio

 

LECCE – Si aprirà il prossimo 6 novembre, dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Tricase, all’ex onorevole e sindaco di Specchia Antonio Lia. Il gup del Tribunale di Lecce, Antonia Martalò, lo ha rinviato a giudizio al termine dell’udienza preliminare con le accuse di calunnia e diffamazione.

Lia avrebbe accusato tre dipendenti dell’ufficio tecnico comunale di Specchia di una lunga serie di presunte negligenze che avrebbero danneggiato l’amministrazione comunale della cittadina salentina. In particolare, la mancanza di finanziamenti relativi al Pug, la mancata realizzazione di una piscina comunale e altri ancora. Accuse che sarebbero state fatte anche in occasione di un comizio pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare avvio all’inchiesta relativa all’ex onorevole è stata la denuncia dei tre dipendenti dell’ufficio tecnico (tra loro un architetto) che si sono poi costituiti parte civile nel corso dell’udienza preliminare con l’avvocato Isabella Fersini. L’imputato è assistito dall’avvocato Cesare Lia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

Torna su
LeccePrima è in caricamento