Cane morde bimba alla testa, portata in ospedale: è in Pediatria

E' successo nel tardo pomeriggio a Monteroni di Lecce. La piccola, di 6 anni, azzannata al cuoio capelluto da un pastore tedesco di proprietà della famiglia

MONTERONI DI LECCE – Forse un gioco finito male, probabilmente la tipica risposta istintiva del cane di fronte a qualche stimolo percepito come un pericolo. Fino a uno o più morsi sulla testa. Certo è che una bimba di 6 anni è ricoverata in Pediatria, presso l’ospedale “San Giuseppe da Copertino”, a causa di una ferita al cuoio capelluto provocata dal morso di un cane di razza pastore tedesco, di proprietà della famiglia della piccola paziente.

La vicenda è avvenuta nel tardo pomeriggio. Sono stati direttamente i genitori a portare la bimba in ospedale, partendo in auto dalla vicina Monteroni di Lecce, comune dov’è avvenuto il fatto. Il morso non è stato profondo, ma la paura è stata sicuramente tanta. Anche perché la bimba ha subito delle lacerazioni, perso sangue e c’erano timori per possibili infezioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prognosi, però, non è stata infausta. Dieci giorni, dopo le cure dei medici. Per ora è comunque tenuta in osservazione nel reparto, considerando la particolare età. Sulla vicenda, classificata come incidente domestico, si stanno svolgendo approfondimenti dei carabinieri e dell'Asl. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento