Dalla ricerca di scomparsi a scene del crimine: così si esercitano i volontari

Esercitazioni della Protezione civile salentina su più fronti, con l'interessamento dei carabinieri e dei vigili del fuoco

CANNOLE - Si è svolta questa mattina l’ultima sessione del corso di ricerca persona scomparsa in ambiente extra urbano, organizzato dal Coordinamento provinciale delle organizzazioni di volontariato e dei gruppi comunali di Protezione civile della provincia di Lecce, con il benestare della Prefettura di Lecce, il patrocinio della sezione protezione civile della Regione Puglia, e in collaborazione con il Comando provinciale dei vigili del fuoco di Lecce e del Reparto operativo del comando provinciale dei carabinieri di Lecce.

Nella prima lezione in aula, gli aspetti normativi correlati alle attività di polizia giudiziaria e al ruolo del volontariato nelle attività di ricerca, gli aspetti operativi connessi all'utilizzo di ricevitori Gps, tecniche di battuta e alle conoscenze cartografiche. Nella seconda lezione, esercitazione pratica di ricerca persona scomparsa nella pineta della Masseria Torcito di Cannole sotto la direzione dell’unità di comando locale dei vigili del fuoco.

WhatsApp Image 2019-05-25 at 17.54.01-2

Nella terza lezione di questa mattina, in aula, nozioni di comportamento del volontario di Protezione civile sulla scena del crimine, su come comportarsi correttamente in quelle occasioni in cui l'intervento non deve alterare lo stato delle cose: da un comune incidente stradale, fino al crimine violento, è importante che i volontari sappiano come comportarsi. 

La lezione è stata curata del capitano Giorgio Antonielli, comandante della Compagnia dei carabinieri di Maglie. Un programma formativo completo, che ha brevettato 120 volontari di Protezione civile del coordinamento provinciale di Lecce provenienti da associazioni e gruppi comunali di tutta la provincia.

"L’aumento di frequenza di attivazione del piano negli ultimi anni in provincia di Lecce – spiega il presidente provinciale del coordinamento, Salvatore Bisanti – ha dato un forte impulso alla progettazione di corsi di formazione al fine di specializzare volontari capaci di affiancare in modo professionale e qualificato il personale dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine nelle battute in superficie”.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento