“Il mio vicino si sta per impiccare”: i carabinieri scongiurano il dramma

Un uomo ai domiciliari ha cercato di togliersi la vita a Calimera. Il tempestivo intervento dei militari ha evitato la tragedia

L'ospedale di Galatina.

CALIMERA- Salvato in extremis dall’intervento dei carabinieri. Un uomo di Calimera, ristretto agli arresti domiciliari, stava per farla finita, nella giornata di ieri: l’intento è andato in fumo grazie all’arrivo dei militari della Sezione radiomobile della compagnia di Lecce.

È stato un vicino di casa dell’uomo ad allertare immediatamente il 112. L’arrestato si trovava in un forte stato confusionale, con una corda appesa al soffitto e attaccata al collo. Era ormai in  piedi, su un tavolo, pronto per togliersi la vita. È stato immediatamente liberato dai militari dell’Arma i quali, intanto, avevano anche chiesto i soccorsi del personale del 118.

Trasportato immediatamente presso l’ospedale "Santa Caterina Novella" di Galatina, l’uomo non è fortunatamente in pericolo di vita ed è stato dimesso nella mattinata di oggi, per poi essere ristretto nuovamente ai domiciliari.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Intercettazioni su Marti, la Giunta della Camera dei deputati si tira fuori

  • Cronaca

    Furti dalla borsa e prelievi, badante infedele sottrae migliaia di euro

  • Cronaca

    Vetri in frantumi di notte: tentativo di furto o vandalismo? Al vaglio i filmati

  • settimana

    Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Mercatone Uno, doccia fredda per 256: chiesto concordato preventivo

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento