Serpente innocuo e in via di estinzione senza vita: ucciso con colpi alla testa in centro

L’episodio in via Caracciolo, in centro città. Il rettile, specie protetta per via del numero esiguo di esemplari rimasti, ucciso con un oggetto contundente

L'esemplare senza vita trovato in centro.

LECCE – Rinvenuta, questa mattina, una carcassa di un innocuo serpente cervone in via Caracciolo, in pieno centro storico. Il rettile, a detta degli operatori del Nucleo delle guardie ambientali comunali, sarebbe morto a seguito a svariati colpi di oggetto contundente inferti sulla testa.

P_20180618_120710_vHDR_Auto_p-2Il cervone è un serpente tipico del territorio salentino, ma che, per via dell'esiguo numero di esemplari rimasti in circolazione, rappresenta uno dei rettili più a rischio in tutta la provincia. "Ciò che è accaduto - riferiscono gli operatori dell'associazione Guarda dell'ambiente - è un fatto molto grave. In pieno centro storico, magari davanti agli occhi di bambini, passanti e turisti, è inammissibile un atto di questo genere ai danni di una specie protetta".

L'autorità veterinaria,  allertata dall'Ufficio ambiente, ha preso in carico la vicenda per poter accertare formalmente le cause del decesso del rettile. Il Nucleo delle guardie, invece, sta provvedendo alle indagini relative al presunto reato di uccisione di specie protetta.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Concertone Notte Taranta: quaranta brani per una notte senza soste

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Col volto travisato, avvicinano un bimbo: la madre li vede e urla, poi la fuga

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento