Due colpi di pistola esplosi contro un'area carburanti, ignoto il movente

E' successo a Carmiano fra venerdì 13 e sabato 14. La scoperta all'alba. Nelle videocamere si nota un singolo soggetto armato

La stazione dei carabinieri di Carmiano.

CARMIANO – E’ mistero a Carmiano dove un soggetto, con il volto coperto da un cappuccio, ha esploso due colpi di pistola, indirizzando l’arma verso la colonnina per l’inserimento delle banconote destinate all’erogazione self-service di un’area di distribuzione di carburanti.

L’inquietante episodio s’è verificato nella notte fra venerdì 13 e sabato 14 settembre presso l’Apron di via Lecce, ma la scoperta è avvenuta soltanto all’alba, quando i primi operatori hanno raggiunto l’area per un nuovo turno di lavoro. Avvisato il titolare, questi ha subito chiamato i carabinieri.

I militari, una volta arrivati sul posto, hanno recuperato da terra due bossoli e richiesto le registrazioni del sistema di videosorveglianza di cui il distributore è dotato. Tramite le immagini, hanno così potuto così ricostruire il clou della vicenda, in cui si nota un uomo, con il volto ben coperto, entrare a piedi, esplodere i due colpi e poi allontanarsi.

Non apparirebbero nei filmati altri soggetti, ma non è da escludere che fossero a breve distanza, al di fuori dell’area, in un punto scoperto dal raggio di visuale delle telecamere, ad attendere l’attentatore in moto o auto, per garantirgli una fuga immediata. Non sembra nemmeno che vi siano state testimonianze dirette. Nessuno ha chiamato i carabinieri nel cuore della notte. Quanto al movente, resta per ora sconosciuto. Al vaglio vi sono più piste.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento