In casa, droga, pistola e proiettili: patteggia tre anni e tre mesi

Ha chiuso il suo conto con la giustizia Alessandro Gallucci, il 26enne di Lecce arrestato tre mesi fa, dopo che i carabinieri perquisirono il suo appartamento, trovando un’arma e sostanze stupefacenti

LECCE - Ha patteggiato tre anni e tre mesi di reclusione Alessandro Antonio Gallucci, il 26enne di Lecce che in seguito alla perquisizione domiciliare fu trovato in possesso di 169 grammi di marijuana, 233 di hashish suddivisi in due panetti e varie dosi e materiale per il confezionamento. Non solo. Nel suo appartamento, i carabinieri della sezione radiomobile della compagnia locale trovarono anche un’arma semiautomatica calibro 7,65, matricola abrasa, completa di caricatore e con sette cartucce dello stesso calibro.

L’episodio risale a tre mesi fa e si è concluso oggi con la sentenza emessa dal giudice Carlo Cazzella che ha così accolto la richiesta di concordare la pena avanzata dall’imputato attraverso l’avvocato difensore Loredana Pasca.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

Torna su
LeccePrima è in caricamento