Caso YouTube: procura chiede interdizione della prof

La docente protagonista del video finito sul Web rischia la sospensione dal pubblico servizio. La donna è indagata per atti sessuali con minorenni e corruzione di minori. Ora dovrà esprimersi il gip

tribunale
Era prevedibile e infatti la professoressa protagonista del video scandalo finito su YouTube ora rischia l'interdizione dal pubblico servizio. Rischia di dover rinunciare all'insegnamento. Il provvedimento è stato chiesto dalla Procura della Repubblica che, come è noto, indaga sull'ipotesi di atti sessuali con minorenni e di corruzione di minori, di cui sarebbe responsabile la docente di matematica oggi in servizio al pofessionale "Marconi".
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull'interdizione dovrà pronunciarsi il giudice per le indagini preliminari Vincenzo Scardia. Al quinto piano del Palazzo di Giustizia il magistrato ascolterà la professoressa. La quale non ha saputo difendersi martedì scorso davanti a quella pagina e mezza di contestazioni addebitatele dal pubblico ministero Maria Cristina Rizzo, suffragate dalle testimonianze scottanti degli studenti rese ai carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • Non solo Covid, pronto soccorso preso d’assalto. Medici e infermieri stremati

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

Torna su
LeccePrima è in caricamento