Cava trasformata in ricettacolo di rifiuti, sigilli e denunce alla Procura

Sequestrati anche tre mezzi per il movimento terra. L'area si estende per 14mila metri quadrati. La scoperta dei carabinieri del Noe nella zona di Alessano. Trovati scarti edili, materiale ferroso, pneumatici e altri scarti

ALESSANO - Attività di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi ed esercizio di discarica abusiva. Sono questi i reati contestati dai carabinieri del Noe di Lecce a due legali rappresentanti di una società, proprietaria di una cava dismessa nella zona di Alessano. E’ qui, infatti, che sono stati trovati rifiuti in grandi quantità, all’interno di un’ara di ben 14mila metri quadrati.

I militari del Nucleo operativo ecologico, sotto la guida del tenente colonnello Nicola Candido, hanno contestato il fatto che lo smaltimento avvenisse in una zona soggetta a vincolo. Rientra, infatti, nella fascia di rispetto dei boschi. Sull’area sono scattati i sigilli, con un sequestro preventivo d’urgenza. All’interno, i carabinieri hanno trovato rifiuti speciali costituiti da inerti da demolizioni edili, plastiche, sfalci di potatura, travi di cemento, materiali ferrosi, terre e rocce da scavo, pneumatici. Tutto smaltito in modo illecito.

Sotto sequestro sono finiti anche tre mezzi. Sarebbero stati utilizzati proprio per la movimentazione del terreno ed erano custoditi in un capannone all’interno della stessa area della cava. Oltre alla segnalazione alla Procura, sono state avvisate anche le autorità amministrative per i provvedimenti di propria competenza.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Sono d'accordo, vanno messi alla gogna, che privacy e privacy

    • Ma la gogna si usava durante il periodo medievale.... Oggi ci sono altri metodi di espiazione della pena!

  • Auspichiamo maggiori controlli da parte delle Autorità preposte, al fine di porre fine a questa distruzione dell'ambiente circostante.

  • I nominativi, bisogna cominciare a sbattere in prima pagina i nomi, sia delle aziende che degli amministratori, per far capire alla gente chi ci sta avvelenando in cambio di un ritorno economico.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Fanno esplodere con la "marmotta" lo sportello bancomat: banda in fuga con 10mila euro

  • Cronaca

    Segnalazioni per rissa e sangue ovunque: una notte folle in città

  • Cronaca

    Crolla un solaio nell'ex Opis: edificio sgomberato, Asl dispone la manutenzione

  • Politica

    Doppio senso in via Cavallotti: dal 31 maggio via XXV luglio può "respirare"

I più letti della settimana

  • In fuga sui tetti con refurtiva nella federa per 40mila euro: inseguiti e catturati

  • L'auto si ribalta di notte, ragazza perde due dita della mano

  • Avvocatessa aggredita davanti alla figlia da un cliente nel centro di Galatina

  • Escavatore resta in folle e si sposta: uomo schiacciato contro il muro di cinta

  • Citofonano alle case e si fingono carabinieri per farsi aprire e rubare

  • Maiali ibridi si aggirano nella riserva del Wwf: paura per piante e uova di uccelli

Torna su
LeccePrima è in caricamento