Notte infernale: cinque autovetture in fiamme in tre comuni salentini

Intenso lavoro per vigili del fuoco e carabinieri, impegnati fra Matino, Cavallino e Supersano. I roghi si sono verificati fra mezzanotte e le 3. Accertamenti in corso

Nelle foto, l'incendio di Cavallino.

LECCE – Il primo incendio si è verificato attorno alle 23,40, l’ultimo verso le 3. Fra Matino, Cavallino e Supersano, ben cinque autovetture sono finite in fiamme. E alcune di queste sono andate completamente  distrutte. Per i vigili del fuoco, di certo, è stato un lavoro incessante, con segnalazioni continue alla centrale operativa del comando di viale Grassi, a Lecce, e diverse squadre impegnate nel turno che copre la fascia oraria dalle 20 di sera alle 8 del mattino smistate nei punti più disparati per evitare che i roghi si estendessero.

Molto impegnativa, ovviamente, è stata anche la notte dei carabinieri dipendenti da due compagnie (Lecce e Casarano), a loro volta chiamati alle ulteriori verifiche. Non sempre, infatti, è possibile accertare il dolo, nell’immediatezza e, laddove si coltivi comunque un sospetto, sono necessari alcuni approfondimenti.

Tre roghi per cinque auto

In ordine cronologico, il primo incendio s’è verificato a Matino. Mancavano circa venti minuti a mezzanotte, quando le fiamme hanno interessato l’autovettura di un muratore, una Opel Meriva, parcheggiata in via Malta. Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli. Mentre i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile giunti sul posto, hanno accertato come si sia trattato di un danneggiamento seguito da un incendio.

Meno certezze sull’origine di un altro rogo vi sono a Cavallino. Qui, l’evento s’è verificato attorno a mezzanotte, e non si escludono le cause accidentali. Tuttavia, i carabinieri della stazione locale faranno alcuni accertamenti. Partendo dalle videocamere presenti in zona. Le più vicine, quelle di un negozio d’informatica, che si affacciano proprio nel punto dov’è scoppiato l’incendio, in via Santa Chiara, una traversa della strada che conduce verso Lizzanello, alle spalle del Teatro Ducale.

Ad andare del tutto arsa è stata una Fiat Panda di proprietà di una donna di 80 anni del posto, titolare di una tabaccheria in via Lecce, gestita dal nipote. L’episodio è stato particolare, perché, proprio a causa della violenza dell’incendio, l’autovettura ha iniziato a scivolare sull’asfalto, finendo contro la parte posteriore di una Peugeot, a sua volta parcheggiata, che è rimasta seriamente danneggiata dal riverbero delle fiamme. 

L’ultimo incendio partito da una Citroen Picasso, infine, circa tre ore dopo a Supersano. Un caso, verosimilmente, di natura accidentale, che ha coinvolto due autovetture parcheggiate una accanto all’altra, intestate entrambi a cittadini originari del Marocco. Il fatto si è verificato in piazza Margottini. Le fiamme sono state spente dal distaccamento di Maglie dei vigili del fuoco. Anche in questo caso, sul posto, sono arrivati i carabinieri per le indagini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

Torna su
LeccePrima è in caricamento