Una donna denuncia la scomparsa del figlio di 24 anni, ricerche avviate

Non si hanno notizie di un 24enne di Cavallino, fin da ieri mattina. La localizzazione del cellulare ha condotto nei pressi della stazione ferroviaria di Lecce, ma qui i carabinieri hanno trovato solo il suo scooter

NOTA PER I LETTORI: Sono stati rimossi i dati più sensibili, quali nome e foto, considerando che in seguito il caso è rientrato.

CAVALLINO – Sono ore di forte apprensione per una famiglia di Cavallino. Da ieri mattina non si hanno più notizie di un ragazzo di 24 anni. Per tutto il giorno la famiglia ha atteso che desse notizia di sé. Ma verso le 20, ormai fortemente allarmata per un comportamento insolito, la madre si è recata presso la caserma locale dei carabinieri, denunciando la scomparsa.

Le attività di ricerca sono iniziate subito. E grazie alla localizzazione del cellulare, i militari cavallinesi sono riusciti a scoprire dove conducesse l’ultimo segnale: alla stazione ferroria di Lecce. Lì, appunto, l’ultima posizione, attestata dalla presenza dello scooter, ritrovato parcheggiato. Di lui, però, nessuna traccia. E da allora il terminale è spento.

Attivato il piano per le ricerche

E’ stato così attivato il Piano per le ricerche coordinate delle persone scomparse. La prefettura ha convocato questa mattina un tavolo di coordinamento per fare il punto sulle attività, ampliando le ricerche già avviate da carabinieri e questura, coinvolgendo anche polizia ferroviaria, vigili del fuoco, del 118, Croce rossa, varie unità cinofile, polizia locale di Lecce e Cavallino, volontari di Protezione civile (impiego autorizzato dalla Regione Puglia) e, in generale, tutti gli organi competenti nelle ricerche. Sono state informate tutte le prefetture e questure d'Italia, i compartimenti della polizia di frontiera, ferroviaria e stradale, le società di trasporti pubblici, su strada e ferroviari, della provincia.

La scheda sintentica del giovane scomparso in Pdf da scaricare

La descrizione del giovane

Al momento dell'allontanamento, il giovane (alto circa 1 metro e 65 centimetri) aveva uno zainetto di stoffa  di colore nero. Indossava un pantalone da ginnastica nero, maglietta nera in cotone traforato e scarpe bianche. Come segni particolari, ha un piercing al lato sinistro della bocca e diversi tatuaggi: una lettera "A" sul lato sinistro del collo (è quel segno visibile nella foto in alto, Ndr); la scritta "King" sormontata da una piccola corona sul polso sinistro; la lettera "S" sull'anulare della mano sinistra. Aveva con sé il cellulare, come detto, ma che risulta spento da ieri mattina. Per ora non sono stati segnalati avvistamenti.

Cosa fare in caso di avvistamento

La famiglia e la prefettura chiedono la collaborazione di tutti. Nel caso di un avvistamento, i cittadini sono pregati di contattare immediatamente le sale operative del 112, 113 o del 115. Si presume soltanto che possa aver preso un treno. Ma è possibile anche che si trovi ancora nella zona stazione ferroviaria. Ecco perché le ricerche per tutta la giornata sono state estese nell’area a cavallo fra i quartieri Leuca e Rudiae-Ferrovia. In particolare, il nucleo cinofili dei vigili del fuoco e diverse squadre di protezione civile provenienti da tutta la provincia, hanno sondato le Cave di Marco Vito e la foresta urbana, un'area immensa (circa 7 ettari) alla periferia della città, proprio alle spalle della stazione, usando anche droni per avere una visuale maggiore. Per il momento, però, nessuna traccia.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento