Da centro diurno a residenza per anziani, ma senza autorizzazione: chiuso

La struttura si trova in via Nutricati, a Lecce. Dopo una segnalazione al 117 sono partiti i controlli delle fiamme gialle: all'interno trovati cinque anziani allettati e non autosufficienti e quattro dipendenti

Il centro chiuso su provvedimento del Comune.

LECCE – Una casa di riposo per anziani situata in via Nutricati, a Lecce, è stata chiusa su provvedimento del Comune a valle di un controllo avviato dalla guardia di finanza dopo una segnalazione inoltrata al 117.

Le verifiche hanno consentito di appurare che la struttura - denominata Villa Rugiada - autorizzata come centro diurno, era di fatto di tipo residenziale: al suo interno le fiamme gialle hanno trovato cinque anziani, allettati e non autosufficienti, e quattro dipendenti che si occupavano della gestione degli ospiti del centro, dalla cura degli spazi comuni alla somministrazione di alimenti e bevande.

I riscontri eseguiti con l’azienda sanitaria locale hanno fatto emergere che la cooperativa che gestisce la struttura non era in possesso dei requisiti necessari per ospitare persone affette da gravi deficit psico-fisici, alle quali venivano somministrati anche farmaci nelle ore notturne.

Mentre l’amministrazione comunale ha provveduto ad una diversa sistemazione degli anziani e ad una sanzione amministrativa da 5mila euro, sono in corso ulteriori verifiche sulla posizione contrattuale dei dipendenti. Il titolare della struttura è stato inoltre denunciato per non aver rispettato gli obblighi di comunicazione degli alloggiati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento