Niente eventi per 15 giorni al Gallipoli Resort e diffida per Praja

Severi provvedimenti del questore dopo gli episodi che si sono verificati qualche notte addietro nei due locali della riviera jonica: un accoltellamento, un arresto per spaccio e una rissa. “La sicurezza non può soccombere al profitto”

GALLIPOLI – Attività musicali sospese per quindici giorni al Gallipoli Resort e diffida alla proprietà della discoteca Praja. Sono i provvedimenti assunti nelle ultime ore dal questore di Lecce, Leopoldo Laricchia, dopo gli episodi avvenuti nei due locali. Un accoltellamento e un arresto per spaccio nel primo, una rissa che ha coinvolto circa una ventina di persone (due i feriti) nel secondo.

Gallipoli Resort, stop alla musica

Il provvedimento di sospensione delle attività di “trattenimenti danzanti ed attrazioni varie” svolta  nelle pertinenze scoperte del complesso turistico Gallipoli Resort dalla società  Musicaeparole Srl di Bari,  è stato adottato a tutela della sicurezza dei cittadini. Severo il giudizio della questura sul caso. In una nota stampa si spiegano chiaramente le ragioni della decisione: la sicurezza “non può soccombere al profitto economico”. La notifica è stata così eseguita nella serata di oggi dal dirigente del commissariato di Gallipoli.

Praja: scatta una diffida

Ma, come anticipato, il questore ha anche diffidato l’amministratore della società Risco e Disco srl,  titolare della licenza per la discoteca Praja, in ottemperanza al protocollo di intesa per la  sicurezza nei locali di intrattenimento, attuativo dell’accordo quadro nazionale del 21 giugno 2016. Lo scopo: evitare il ripetersi di episodi gravi per l’ordine pubblico dentro e nelle immediate vicinanze dell’immobile. Nel locale, infatti, i carabinieri sono intervenuti non solo l’altra notte, ma anche in occasione di altre aggressioni e risse (l’ultimo episodio proprio recente).

Tutto nato da due episodi

Tutto nasce, come si ricorderà, per quanto avvenuto nella notte tra il 1° ed il 2 agosto, durante un evento musicale. Pochi minuti prima di mezzanotte, una pattuglia di carabinieri era intervenuta presso il Gallipoli Resort per l’accoltellamento di un addetto ai servizi di controllo, persona risultata alle dipendenze della stessa società Musicaeparole. Ulteriori accertamenti hanno anche evidenziato come fosse gravato precedenti penali per reati contro il patrimonio e in materia di armi e sostanze stupefacenti.

Lo scontro fra security e avventore

L’uomo, un 42enne di Maruggio, era stato soccorso e trasportato in ospedale, con prognosi di dieci giorni. Mentre l’accoltellatore, un 24enne gallipolino, anch’egli con precedenti (reati contro la persona e in materia di stupefacenti), ha riportato una prognosi di venti giorni per una botta alla nuca. Stando alle sue dichiarazioni, sarebbe stato percosso da altro personale addetto al servizio di security.

ll fermo per spaccio di droga

E non è tutto. Intorno all’1,15 una pattuglia di polizia, intervenuta sul posto per dare ausilio ai carabinieri, mentre effettuava un controllo dell’area interessata dall’evento, notava, su un percorso poco illuminato che conduce all’area della piscina, un giovane intento a cedere della sostanza stupefacente. Era lo stesso 19enne napoletano già denunciato la notte precedente presso la Baia Verde. Dopo il sequestro di diciannove involucri contenenti ketamina, quattro bustine contenenti Mdma e soldi, era stato arrestato per detenzione e cessione illecita di sostanze stupefacenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento