Clan Caracciolo-Montenegro, i 14 arrestati restano in silenzio davanti al giudice

Si sono avvalsi tutti della facoltà di non rispondere gli indagati accusati, a vario titolo, di aver fatto parte del gruppo mafioso che un tempo era inserito nella Scu Tornese di Monteroni

LECCE - Sono rimasti a bocca chiusa davanti al giudice Carlo Cazzella, i quattordici arrestati nell’ambito dell’operazione “Battleship”  degli uomini del Gico della Guardia di finanza che due giorni fa ha “smantellato”  una associazione mafiosa denominata “Caracciolo-Montenegro”,  ritenuta una costola secessionista dello storico clan della Scu Tornese di Monteroni e attiva (negli anni 2014 e 2015) nella stessa Monteroni, Leverano, Copertino e Porto Cesareo.

Nessuna novità è dunque emersa dagli interrogatori di garanzia che si sono tenuti in mattinata nel carcere di “Borgo San Nicola” a Lecce nei riguardi di Alessandro Caracciolo, 57 anni, della moglie Maria Antonietta Montenegro, 50, residenti a Monteroni, considerati al vertice dell’organizzazione, della figlia Simona Caracciolo, di 28 anni, e del marito Mirko Burroni, 36,di San Cesario di Lecce. E ancora nei confronti di: Angelo Cosimo Calcagnile, 44, Salvatore Conte, 52, Antonio Cordella, 33; Andrea Quarta, 37, Alessandro Francesco Iacono, 36 anni, Cristian Nestola, 34. Tutti residenti a Leverano; Piergiorgio De Donno, 33enne nato a Nardò e residente a Porto Cesareo;  Massimiliano Lorenzo, 43enne di Monteroni di Lecce; Michele Antonio Ricchello, 44enne nato a Casarano e residente ad Alliste.

Oggi si è tenuto l’interrogatorio di garanzia anche di Andrea Ricchello, 32enne nato a Tricase e residente a Monteroni, l’unico per il quale il giudice ha disposto i domiciliari e ha escluso la partecipazione all’associazione mafiosa (reato non riconosciuto anche nei riguardi del fratello Michele Antonio e di Lorenzo). Anche lui si è avvalso della facoltà di non rispondere.

A difendere gli indagati, gli avvocati Massimo Bellini, Cosimo D’Agostino, Ladislao Massari, Luca Puce, Angelo Vetrugno, Stefano Pati e Giuseppe Romano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

  • Rave nelle campagne, musica sparata per ore: sgomberati in circa 300

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento