“Come prevenire reati e truffe”: i carabinieri incontrano gli anziani

Il comandante della compagnia leccese ha incontrato cittadini e amministrazione di Vernole per un vademecum rivolto alle fasce più deboli

L'incontro a Vernole.

 VERNOLE - Il 13 dicembre si è tenuta nella sala consiliare del comune di Vernole l'iniziativa "Come  prevenire reati e truffe" nell'ambito della campagna informativa per gli anziani promossa dall'associazione culturale "Vernolesi nel mondo" con il patrocino dell’amministrazione comunale. All’incontro ha anche preso parte il capitano Flavio Pieroni, comandante dei carabinieri della compagnia di Lecce, il quale ha illustrato le  varie modalità di truffa ai danni degli anziani.

Tra gli accorgimenti da adottare, per esempio, bisognerebbe prestare attenzione a non essere distratti o a fornire dati sensibili personali in presenza di sconosciuti in luoghi pubblici.  Si può incappare in raggiri anche se inconsapevolmente si naviga su Internet e si accede su siti fasulli fornendo dati sensibili del proprio conto corrente o carte di credito. Gli anziani farebbero inoltre bene a prestare attenzione ai vari casi di scippi in strada con urti casuali, ravvicinamenti insoliti o furto delle borse dall'auto o dalla bici o se si è a passeggio.

Le casistiche delle truffe e raggiri sono tante e svariate e avvengono in casa come in strada, per cui il capitano Pieroni ha elargito consigli utili per tenere comportamenti più accorti: avere sempre dubbi, quando vengono fatte proposte insolite e sedicenti. E, soprattutto, non fidarsi mai troppo. Meglio essere "scortesi" e reagire con fermezza  alle insistenze lunghe e molestatrici degli sconosciuti e chiamare sempre il 112. Importante, inoltre, la collaborazione con il vicinato e l’osservazione di eventuali persone sospette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento