homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Fu sorpreso con un piccolo arsenale: condannato a 26 mesi

Alleggerita in Appello la pena nei riguardi di Salvatore Cordella, il 34enne di Squinzano arrestato lo scorso giugno e condannato in abbreviato a tre anni

L'arsenale sequestrato

LECCE - E' di due anni e due mesi la pena inflitta a Salvatore Cordella, il 34enne di Squinzano accusato di aver custodito un piccolo arsenale. Si è pronunciata così ieri sera la Corte d'appello di Lecce, alla quale la Procura generale aveva chiesto la conferma della sentenza di condanna a tre anni di reclusione. Fu questo l'esito del processo di primo grado discusso col rito abbreviato scelto da Cordella dopo che il giudice Vincenzo Brancato respinse la richiesta (avanzata attraverso l'avvocato Massimo Bellini) di patteggiare due anni e mezzo.

A stringere al 34enne le manette ai polsi furono i carabinieri della caserma di Squinzano che lo tenevano sotto osservazione da giorni e lo fermarono il 13 giugno di un anno fa, mentre, in compagnia di due persone (risultate estranee alla vicenda), si aggirava con fare sospetto nei pressi di un edificio. Il nervosismo mostrato dall'uomo alla vista dei militari fece scattare la perquisizione del locale, dove furono trovati e sequestrati: due pistole a tamburo con matricola abrasa (una carica con sei proiettili calibro 7,65), un tamburo da pistola, tre caricatori da pistola semiautomatica (calibri dal 6,35 al 9), 49 proiettili di vario calibro, otto bossoli calibro 7,65 e uno calibro 38 special, una cartuccia da fucile calibro 12.cordella-salvatore-2-2-2

E non finisce qui. Nelle mani degli investigatori finirono anche un calcio da fucile, un coltello a serramanico, quattro cilindri probabilmente utilizzati come silenziatori artigianali e due passamontagna e maschera del diavolo. Informato dell'accaduto, il magistrato di turno Elsa Valeria Mignone, dispose l'arresto di Cordella per detenzione illegale di armi da sparo e detenzione abusiva del munizionamento.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • cosa ne penso? A che servono appostamenti e mesi di lavoro dei carabinieri se poi domani questi individui stanno di nuovo in circolazione ? Ah povera Italia !!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sottraeva denaro dalla farmacia in cui era impiegato, condannato a due anni

  • Nardò

    Mellone nomina la giunta: quattro gli assessori esterni, tre le donne

  • Politica

    La destra presenta il suo comitato per il no alla riforma costituzionale

  • Cronaca

    Sorpreso in compagnia di un pregiudicato, ai domiciliari sorvegliato speciale

I più letti della settimana

  • Testacoda e schianto in galleria contro la colonnina degli estintori

  • Minerva di misura su Fasano. A Nardò ribaltone: il sindaco è Mellone

  • I turisti della Le Lyrial salutano Otranto dalla nave. Il sindaco va su tutte le furie

  • Dopo il maxi arsenale trovato nella masseria scattano le manette

  • Oltre duemila ricci pescati nella riserva marina: denunciati in tre

  • Operazione "Vortice-Déjà Vu", inflitti quattro secoli di carcere in abbreviato

Torna su
LeccePrima è in caricamento