Controllati i possessori di 116 fucili da caccia

Controlli a tappeto da parte dei carabinieri della Compagnia di Tricase per quel che riguarda il possesso legale di armi. Centosedici i controlli finalizzati a constatare la custodia dei fucili

Controlli a tappeto da parte dei carabinieri della Compagnia di Tricase per quel che riguarda il possesso legale di armi. Centosedici i controlli finalizzati a constatare materialmente come siano custodite le armi nelle abitazioni e se al contempo i possessori rispettano le prescrizioni di legge al fine di evitare che fucili, pistole relative munizioni possano finire nelle mani di minori o persone che non saprebbero come maneggiarle.

Così, nell'ambito dei controlli, i militari hanno verificata la corrispondenza numerica e delle matricole di oltre 250 armi, prevalentemente fucili da caccia, tutti regolarmente denunciati. A Spongano, invece, i carabinieri hanno sequestrato 7 fucili illegalmente detenuti dai proprietari che non avevano denunciato il possesso delle armi appartenute a congiunti deceduti, mentre a Presicce cinque persone sono state denunciate alla procura per omessa custodia di armi.
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ingoia un boccone di carne e rimane soffocato, tragica morte per un 58enne

    • Cronaca

      Al Bano lascia l'ospedale e torna a casa. Lo staff medico: ripresa ottima

    • Cronaca

      Nel furgone coltelli e maschere antigas, bloccato leccese a Roma

    • Politica

      Polverone sul Pug, accuse e richieste: "Si addotti dopo le elezioni"

    I più letti della settimana

    • Un volo dal quinto piano nella zona 167: perde la vita un 62enne

    • Un malore, abbatte un cartello e finisce nell'altra corsia: muore 65enne

    • Scontro frontale tra auto e moto, muore nella notte centauro di 48 anni

    • Nei video le immagini terribili degli abusi commessi su una 12enne, in manette

    • Dottoressa ritrovata senza vita: disposta un'autopsia per chiarire le cause

    • Prestazioni sessuali in cambio di denaro o sotto minacce, in carcere il padre

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento