Danni nel cimitero: sfondata a colpi di pietra la porta di una cappella

Profondo sdegno a Gallipoli per l'episodio che ha riguardato una famiglia locale. Il fatto è stato denunciato ai carabinieri. Movente ignoto, ma in passato, nel camposanto locale, si erano già verificati violenti atti di vandalismo

GALLIPOLI – La notizia ha fatto in poche ore il giro di Gallipoli, suscitando amarezza e un profondo sdegno. Chi, questa mattina, si è recato in visita presso il cimitero, ha potuto “ammirare” di persona l’opera di distruzione messa in atto da ignoti, il cui scopo non era però affatto chiaro: una delle due ante di cristallo di una cappella è crollata, letteralmente andata in frantumi, usando un grosso masso.

La cappella in questione ospita le spoglie di Leonardo Villanova e del figlio Antonio, scomparso prematuramente. Il primo, in particolare, era stato negli anni ’60 anche calciatore nelle formazioni locali. Persone conosciute e stimate nella Città Bella, ma che non hanno mai rivestito cariche particolari. Insomma, nell’arco della loro esistenza terrena, comuni cittadini, il che non fa supporre a un atto mirato. Date le circostanze e il luogo, tutto sembra ricondurre più a un gesto vandalico fine a sé stesso o, forse, dettato dalla speranza di trovare nella cappella qualcosa di valore. Tant’è: non sembra che sia stato rubato nulla.

L’episodio, avvenuto nel corso della notte è stato denunciato dall'avvocato Monica Villanova, figlia di Leonardo, presso la compagnia locale dei carabinieri. E non si sono verificati altri danneggiamenti. Quella dei Villanova, l’unica cappella colpita. Forse, i malintenzionati sono stati attirati proprio da quella porta a vetri particolarmente esposta e hanno pensato che fosse un obiettivo facile da abbattere. D’altro canto, la stessa avvocata ha dichiarato ai militari di non avere alcun sospetto e non ha saputo darsi una spiegazione per il gesto.

Fra i primi a far circolare la notizia è stato Flavio Fasano, consigliere comunale di Gallipoli Futura, che di Leonardo Villanova era amico fraterno. “Un gesto schifoso – ha detto, senza mezzi termini - che merita ripugnanza e sdegno profondo. Il sentimento ed il rispetto per i defunti impone un forte biasimo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è certo la prima volta che ignoti provocano danni nel camposanto gallipolino. Il 1° novembre del 2016, il caso più eclatante, quando qualcuno, forse nutrendo rancori personali verso il custode, mise fuoco al suo ufficio e riempì i muri di scritte offensive nei suoi confronti. Un paio  anni prima, nel novembre del 2014, sempre nel cimitero sparì anche lo stemma della nobile e storica famiglia locale Zacheo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

Torna su
LeccePrima è in caricamento