Quattro pullman di Fse danneggiati nel week end, presentata denuncia

I responsabili del trasporto ferroviario locale hanno interessato la polizia per le indagini. Ma non ci sono videocamere

NARDO’ – Quattro pullman danneggiati, con vetri infranti, probabilmente usando mazze e spranghe. Una vicenda senza alcun senso logico, se non per il puro “divertimento” di chi, magari, ha deciso in questo modo di smaltire una sbornia dopo una notte di bagordi.

I responsabili delle Ferrovie Sud Est hanno presentato questa mattina formale denuncia presso il Commissariato di polizia di Nardò, dopo una serie di atti vandalici avvenuti nella notte fra sabato e domenica presso il parcheggio dei mezzi, accanto alla stazione ferroviaria della città.

La scoperta è avvenuta domenica mattina, anche se la polizia è stata contattata lunedì per un sopralluogo. Ben quattro, come detto, i pullman delle Fse sui quali si sono accaniti i vandali, mandando in frantumi diversi vetri. Un mezzo in particolare è rimasto più danneggiato degli altri, considerando che la teppaglia s’è abbattuta praticamente contro un’intera fila di finestrini.

Non vi sono videocamere di sicurezza a copertura dell’area. L’unica sorveglianza, quella dinamica affidata ad Alma Roma. Nessuno, tuttavia, si è accorto dei danneggiamenti prima dell’alba di domenica mattina. E l’aspetto preoccupante è che si tratti del secondo episodio nel giro di poco tempo. Un raid praticamente identico avvenne nel maggio del 2017. In quel caso, furono cinque i pullman devastati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

  • Dopo il tamponamento continua la marcia verso casa senza una ruota

  • Salvini fa il pienone a Squinzano, ma si palesa una larga diffidenza verso Fitto

Torna su
LeccePrima è in caricamento