Danni alla struttura durante la gestione del ristorante, condannata 23enne

In ter erano finiti a processo dopo la denuncia del proprietario del locale, anche per essersi appropriati di alcuni beni

LECCE – Si è conclusa con una condanna e due assoluzioni la vicenda giudiziaria legata alla gestione di un ristorante a Lizzanello. A giudizio erano finiti Michela Carafa, 23enne originaria di Sassuolo; Francesco Personè, 41enne di Nardò e Lorenzo Nobile, 33 anni, per i reati di appropriazione indebita e danneggiamento aggravato. I tre imputati erano stati denunciati dal proprietario del locale. In particolare, gli imputati, in periodi diversi, avevano assunto la gestione del locale, cagionando allo stesso numerosi danni e appropriandosi di beni appartenenti al proprietario dell'immobile.

Il giudice monocratico del Tribunale di Lecce, Annalisa De Benedictis, ha condannato Carafa a un anno di reclusione e 500 euro di multa, oltre al pagamento delle spese processuali e al risarcimento dei danni da quantificare in separa sede. Assoluzione piena, invece, per non aver commesso il fatto, per Nobile (assistito dall’avvocato Rita Ciccarese, e Personè (assistito dall’avvocato Pierpaolo Personè).

Il proprietario dell’immobile si era costituito parte civile con l’avvocato Francesco Dragone.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Precipita dal tetto del capannone che voleva comprare, muore sul colpo

  • Cronaca

    Ingegnere morì cadendo dal solaio, “sconto” in Appello per Adelchi e Luca Sergio

  • Attualità

    Il presidente sul terminale del gasdotto: "Il governo imponga decreto per la Seveso"

  • Cronaca

    Ore d'ansia per una famiglia: si cerca un 78enne scomparso a Lecce

I più letti della settimana

  • Fa un incidente e chiede aiuto: il "soccorritore" tenta di stuprarla

  • Brucia e crolla capannone della ditta edile. Si temono danni per la salute

  • Vigilante si uccide con una pistola: secondo suicidio simile in poche ore

  • Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • Brillantante servito invece di acqua, ispezioni di Nas e Asl nel bar

  • Precipita dal quarto piano del tribunale: grave un praticante avvocato salentino

Torna su
LeccePrima è in caricamento