Maltempo all'alba: danneggiato canile, ospiti a quattro zampe salvati in tempo

La tromba d’aria delle ultime ore ha arrecato gravi conseguenze alla struttura di Matino. Fortunatamente, gli animali senza conseguenze

I danni del maltempo a Matino.

WhatsApp Image 2018-11-20 at 09.43.14-2MATINO – Anche il canile di Matino ha subito gravi danni, in mattinata, a seguito della violenta tromba d’aria  delle ultime ore. Intorno alle 5, infatti, le forti raffiche di vento e la pioggia si sono abbattuti anche sulla struttura che ospita gli animali, alla periferia del comune del basso Salento. I volontari hanno subito raggiunto il posto, per mettere in salvo gli ospiti a quattro zampe, prima che fosse troppo tardi e che la furia del maltempo potesse causare conseguenze inenarrabili.

Nessun degli animali, fortunatamente, ha riportato lesioni. I danni sono stati arrecati alle coperture di sette box, e a due lati del muro di cinta che circonda la struttura.  Il rischio, per ora, è che piogge più copiose possano allagare il canile, visto il terreno già inondato. Il sindaco di Matino, Jonny Toma, allertato dalla presidente dell’associazione Spes, Marilena Nicoletti, ha inviato sul posto una squadra di operai per recidere i rami degli alberi caduti per strada e consentire ai volontari il recupero dei mattoni caduti dalla recinzione.

Lo staff del canile si è subito messo al lavoro per ripristinare la struttura e per non creare disagi ai piccoli ospiti. Lo stesso presidente del Coordinamento delle associazioni animaliste salentine si è subito prodigato chiedendo informazioni e mobilitando il mondo degli operatori per eventuali aiuti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento