Tragedia nelle campagne di Diso: 40enne muore carbonizzato da un fulmine

Una assurda, fatale coincidenza ha strappato alla vita un uomo di Spongano. E' accaduto in mattinata, alla periferia di Diso, poco dopo le 10

Foto di repertorio

DISO – Un uomo è deceduto, in mattinata, folgorato da un fulmine che lo ha carbonizzato. L’assurdo episodio è avvenuto nelle strade di Diso, nel Capo di Leuca, dove un 40enne di Spongano, Giuseppe Nicolardi, ha perso la vita senza che gli operatori del 118 abbiano potuto fare nulla per tenerlo in vita. E’ accaduto intorno alle 10, nelle campagne fra il comune di residenza della vittima e Diso.

Un improvviso fulmine  lo ha colpito in pieno, togliendogli ogni possibilità di scampo.  La violenta scarica elettrica si sarebbe infatti abbattuta su dei fili elettrici, all'interno del cantiere per la costruzione di una casa. la vittima, per motivi che sono in fase di accertamento, si trovava nelle vicinanze. Soccorso da coloro che erano preesenti sul posto, per lo sfortunato 40enne non vi è stata neppure la possibilità di una corsa contro il tempo.

Quando, infatti, sono sopraggiunti gli operatori del 118 per i soccorsi, oramai non vi era più nulla da fare: la scossa elettrica lo ha strappato alla vita in una frazione di secondo. Sul posto, oltre ai sanitari, anche i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tricase, guidati dal tenente Alessandro Riglietti. Sotto choc la piccola comunità del paese del basso Salento: al dolore di una giovane vita stroncata da un'assurda fatalità, si somma il fatto che l'uomo, a breve, sarebbe dovuto diventare padre della sua prima figlia. La salma dell'uomo, intanto, è stata trasferita presso la camera mortuaria del cimitero di Marittima, la frazione di Diso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento