Uno frantuma vetri di 5 auto, l’altro quelli di un’ambulanza: nei guai

Un 34enne di Carmiano incastrato dai filmati e denunciato. Deferito anche un 41enne di Porto Cesareo

Uno dei fotogrammi che ha incastrato l'uomo.

CARMIANO – In due sono stati denunciati, nelle ultime ore, per danneggiamento: il primo ritenuto responsabile di una serie di atti vandalici a Carmiano, il secondo accusato di aver mandato in frantumi i vetri di un’ambulanza. F.S., un 34enne di Carmiano, è stato infatti fermato dai carabinieri, perché identificato come autore del danneggiamento di cinque auto, lo scorso 20 aprile.

DANNEGGIAMENTO CARMIANO 2 (2)-2Nel cuore della notte, in quell’occasione, l’uomo avrebbe frantumato i finestrini di una Fiat Brava, due Opel Zafira, una Opel Agila e una Fiat 600. Scoperto da uno dei malcapitati, il 34enne si è dileguato nelle vie della zona, facendo perdere le proprie tracce. Ma i filmati, recuperati poco dopo dai carabinieri della stazione locale, lo hanno incastrato. E, al termine delle formalità di rito, è stato deferito in stato di libertà.

Ma non è tutto. Una denuncia simile anche a Porto Cesareo, dove M.E., 41enne del luogo e in preda a i fumi alcolici, ha provocato notevoli danni all’ambulanza di un’associazione di volontariato, intervenuta presso la sua abitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • "Assalto" all'ipermercato per le offerte pasquali: assembramenti, arrivano i carabinieri

  • Coronavirus, muore 40enne positivo. Stretta su Pasqua e Pasquetta: “Nessuna gita consentita”

  • Doppia tragedia: 70enne si lancia nel vuoto. Una donna cade durante le pulizie

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

Torna su
LeccePrima è in caricamento