A poche ore dal sequestro di sdraio, la madre del titolare del lido viola sigilli: nei guai anche lei

Dopo la denuncia del figlio, un 48enne di Copertino, accusato di aver piazzato attrezzatura senza autorizzazione, nei guai anche la donna

L'attrezzatura sequestrata ieri.

PORTO CESAREO – Dopo il sequestro di ombrelloni e lettini piazzati illegalmente e la denuncia del proprietario del lido, la madre dell’indagato viola i sigilli: finisce nei guai anche lei. Alle 8 di questa mattina, infatti, i carabinieri della compagnia di Campi Salentina hanno deferito T.C., una 64enne di Copertino, nominata custode giudiziale dell’attrezzatura del figlio.

Nonostante un provvedimento eseguito dai militari 28 ore prima, la donna ha riutilizzato quegli ombrelloni e quei lettini nuovamente nello stabilimento balneare. L’attrezzatura è stata affidata, questa volta, all’amministrazione di Porto Cesareo.

Si tratta, nello specifico, di 27 ombrelloni e 54 lettini piazzati su un’area demaniale di 200 metri quadrati, senza alcuna autorizzazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento