Una inscena vendita di un motore. L’altro accusato di bancarotta: denuncia e arresto

Una napoletana deferita per un raggiro subito da un uomo di Corigliano d’Otranto. In carcere un neretino, per fatti risalenti al 2009

Foto di archivio.

NARDÒ – Una denuncia e un ordine di carcerazione nelle ultime ore. A Corigliano d’Otranto, per cominciare, i carabinieri hanno deferito una 53enne di Napoli, G.C., accusata di truffa. Le indagini sono partite dalla querela presentata dalla vittima di un raggiro, un salentino.

Quest’ultimo, dopo aver acquistato da un noto sito di annunci di compravendita, un motore per auto Opel, si è ritrovato il “pacco” Dopo aver versato su un conto Postepay la cifra di 500 euro come acconto, non ha però mai ricevuto la merce pattuita. A Nardò, inoltre, sempre i militari dell’Arma hanno eseguito una misura emessa dal Tribunale di Modena, nei confronti di R.C., un 52enne neretino, accusato di bancarotta fraudolenta.

Il reato sarebbe stato commesso nella città emiliana nel luglio del 2009. L’uomo dovrà espiare una pena di quattro anni, cinque mesi e cinque giorni di reclusione. Al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato nel carcere di Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • Scoppia una rissa, un 25enne ferito al setto nasale per aver chiamato la polizia

  • Assalto al postamat, 112 rintraccia due auto: banditi disseminano chiodi a quattro punte

Torna su
LeccePrima è in caricamento