"Voglio farla finita", ma dopo un sms scompare con soldi e scooter del datore

Trovato dopo oltre 24 ore di ricerche un operaio 52enne, domiciliato a Parabita, scomparso giovedì. Denunciato, ma nessuna traccia dei soldi: li avrebbe spesi alle slot machine

Foto di repertorio.

PARABITA – Scompare “nel nulla” dopo un messaggio inviato al datore di lavoro: “La voglio fare finita”. Prima della fuga, però, porta via anche lo scooter dell’imprenditore e i soldi che avrebbe dovuto consegnargli. È stato rintracciato a Porto Cesareo, nella mattinata di venerdì, un operaio 52enne domiciliato a Parabita, dipendente presso una ditta di giardinaggio di Taviano.

Non si avevano sue notizie dalla giornata precedente, quella di giovedì. È stato proprio il suo datore ad allertare le forze dell’ordine, dopo aver ricevuto quell’inquietante messaggio nel quale il dipendente faceva cenno ad intenti suicidi. Peraltro proprio nel giorno in cui il 52enne avrebbe dovuto rendere al capo il denaro incassato durante i lavori eseguiti in abitazioni private. Le ricerche sono state immediatamente diramate ed è scattato anche  il consueto protocollo della prefettura leccese per il ritrovamento delle persone scomparse.

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano hanno riscontrato, attraverso le celle telefoniche, che l’operaio si trovava dapprima nella zona di Nardò, poi in quella di Martignano. Ma la svolta è giunta per altre vie. I figli di un’anziana di Porto Cesareo hanno avvisato i militari del luogo: hanno notato la propria madre in compagnia di un uomo sospetto e temevano che volesse truffarla. Ma il tutto senza neppure immaginare che si trattava  dell’uomo ricercato da ore. Gli uomini dell’Arma lo hanno raggiunto, identificato e poi denunciato in stato di libertà. Il ciclomotore è stato restituito allo datore di lavoro. Dei soldi, a quanto pare, nessuna traccia: li avrebbe utilizzati per giocare alle slot-machine.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento