Degrado a Santa Rosa. Dopo l’emergenza solai, disagi alla fognatura

Una fuoriuscita di liquami, che ha sprigionato cattivi odori e provocato disagi, ha fatto indignare i residenti del civico 5 di via Volturno, nel cuore dello storico rione. Nello stesso stabile, lo scorso 20 settembre, si verificò il crollo del solaio di un'abitazione nella quale vive un'anziana. Sul posto, polizia locale e Lupiae Servizi

La polizia loale sul posto

LECCE  - Non è neppure trascorso un mese dal quel crollo del solaio, nel quartiere Santa Rosa, che fece tanto discutere. La paura, tra i residenti di via Volturno, è tornata in serata con un nuovo episodio. All’altezza dello stesso stabile nel quale rischiò la vita l’anziana proprietaria, si è verificata una copiosa fuoriuscita di liquami, provenienti dalle condotte fognarie.

Intorno alle 19, infatti, un cattivo odore ha allertato gli inquilini di un piano rialzati dello stesso stabile, i quali sono usciti per strada e hanno scorto il fiume liquido proveniente da un tombino, posto sul marciapiede, proprio in corrispondenza di uno degli appartamenti. Un passaparola rapido e, nel giro di un paio di minuti, i residenti hanno allertato gli agenti di polizia locale di Lecce, accorsi sul posto. Assieme al personale di viale Rossini, son sopraggiunti i dipendenti della Lupiae Servizi, per bonificare e disinfettare la via, e i dipendenti dell’Acquedotto.IMG_3657-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli abitanti dell’isolato, tra cui numerosi bambini e anziani, sono indignati. Non sanno a chi rivolgersi per risolvere non tanto la contingenza di oggi, quanto lo stato di degrado in cui versano gli edifici del quartiere. Un problema che riguarda tutti i palazzi della zona, edificati oltre 60 anni addietro e privi di manutenzione, “Rifare il prospetto non basta”, hanno denunciato all’unisono. Poco distante, in via Mincio, altri solai sono già puntellati perché pericolanti. “Quando abbiamo chiesto l’intervento dell’amministratore di condominio, siamo stati invitati a rivolgerci alla questura. Chi è tenuto a occuparsi della questione, lo faccia presto. Prima che ci scappi il morto”, hanno chiesto. Sfiduciati e in preda a un senso di abbandono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • "Dote" da sposa e corredo di nozze trasformati in mascherine: “Sono per i più poveri”

Torna su
LeccePrima è in caricamento