Discarica di rifiuti non autorizzata, denunce per tre e area sequestrata

Il controllo dei carabinieri di Nociglia in agro di San Cassiano. Proprietario e altre due persone finiscono nei guai

SAN CASSIANO - Attività di gestione di rifiuti non autorizzata e getto pericoloso di cose in concorso sono le accuse a carico di tre persone, che sono state fermate dai carabinieri della stazione di Nociglia durante un servizio di controllo in materia di reati ambientali.

V.S., 40enne di Supersano, N.P.V., 40enne di Botrugno e N.A.V., 72enne, anch’egli di Botrugno, sono stati fermati dai militari, i quali hanno contestato loro di aver effettuato attività illecita di raccolta e trasporto di rifiuti speciali, poiché sprovvisti di autorizzazione, con stoccaggio in un fondo agricolo di San Cassiano.

Si tratta, nello specifico, di acque di vegetazione, di sansa vergine e materiale inerte proveniente da lavori di demolizione. Tutto depositato in un’area di circa 83 metri quadri, di proprietà del 40enne V.S.. La discarica abusiva è stata sottoposta a sequestro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Sulla scheda il candidato che “non esiste”: un "De" di troppo ma elezioni proseguono

  • Sport

    La prevenzione contro il cancro si fa "di corsa": torna la “Gallipoli ColouRun”

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Un boato sveglia il vicinato all’alba: si sbriciola il tetto di un’abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento