Disponeva di una casa a Otranto usata come "incubatrice" di marijuana

Arrestato un 23enne di Scorrano. I carabinieri hanno scoperto tutto l'occorrente per la coltivazione indoor e parecchia sostanza

OTRANTO – Lui è di Scorrano, ma da Otranto andava e veniva, avendo a disposizione un appartamento. Usato, peraltro, come una sorta di incubatrice per far germogliare marijuana. Ma quando in casa si sono presentati i carabinieri, interessati di certo al prodotto, ma non per fumarlo, per lui sono iniziati i guai.

Giorgio Hameti, 23enne, è finito in arresto ed è stato destinato ai domiciliari. A Scorrano. Insospettiti evidentemente dai movimenti in quell’abitazione della Città dei Martiri, i militari hanno deciso di verificare i loro sospetti.

HAMETI Giorgio-2E così hanno trovato nove steli con foglie e infiorescenze di marijuana, in via di essiccazione, per 1 chilo e mezzo, più 215 grammi circa di sostanza e infiorescenze, già essiccati. Il tutto, in una camera di coltivazione, completa di impalcatura, per la coltivazione indoor delle piante.

Sotto sequestro è finita anche attrezzatura varia per la coltivazione e l’essiccazione della sostanza stupefacente: lampade con pannelli rifrangenti, tubi flessibili dotati ventole elettriche per aereazione forzata, umidificatori, filtro anti-odori; ventilatori, temporizzatori, terriccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

Torna su
LeccePrima è in caricamento